Doppio record mondiale di apnea per disabili nelle acque di Scarlino

Ilenia Colanero e Fabrizio Pagani hanno raggiunto l’obiettivo toccando rispettivamente 20 e 35 metri

Scarlino: Si festeggia il doppio record del mondo di apnea degli atleti disabili, Ilenia Colanero e Fabrizio Pagani. Giovedì 30 giugno, nelle acque del golfo, i due campioni hanno raggiunto l’obiettivo: Ilenia e Fabrizio hanno toccato rispettivamente 20 e 35 metri di profondità. Il tentativo di record è stato organizzato dalla Fipsas (Federazione italiana pesca sportiva e attività subacquee), con il Comune di Scarlino, l’Ambito Maremma Area Nord e il supporto di Nuova Solmine, sponsor ufficiale dell’evento. Alla riuscita della manifestazione hanno contribuito la guardia costiera locale, la Croce Rossa, l’associazione “Sos villaggi per bambini Italia”. Un supporto fondamentale è stato quello dello Scarlino Diving Center che ha seguito il team sportivo sin dall’arrivo a Scarlino.


L’evento rientra tra le iniziative dell'Ambito Maremma Nord, nominato “Comunità Europea dello Sport 2023”, riconoscimento assegnato da Aces Europe, l'associazione no profit con sede a Bruxelles che consegna dal 2001 il premio “European capital of sport”. I giudici internazionali della Cmas presenti nella “Solmine deep water area” hanno ratificato la distanza di – 20 metri per Ilenia Colanero di Lanciano e –35 metri per Fabrizio Pagani di Terni nel corso della mattina di oggi, giovedì 30 giugno.

«Il record di Scarlino – dicono all’unisono Ilenia e Fabrizio – è il coronamento di sogni e fatica. Utilizzando un solo arto è complicato vincere la linea di galleggiamento e arrivare nel blu dove la pressione si fa sentire. L’acqua di Scarlino ci ha dato soddisfazioni enormi perché oltrepassare i limiti era il nostro obiettivo e lo abbiamo raggiunto convinti che si possa ancora andare oltre. E noi ci proveremo».

Una grande soddisfazione anche per il Comune di Scarlino. «Siamo felici ed emozionati – dicono il sindaco Francesca Travison e l’assessore al Turismo Silvia Travison –:, questo record ci riempie di orgoglio: abbiamo conosciuto due atleti meravigliosi, due persone che hanno saputo trasformare episodi drammatici in stimoli per raggiungere traguardi di altissimo livello. Vogliamo ringraziarli per l’esempio che hanno dato anche oggi nelle acque del nostro golfo. Un esempio per tutti, che sprona ognuno di noi a dare il meglio. Grazie alla Federazione, all’Ambito Maremma Nord, alla Nuova Solmine, al Diving di Scarlino, a Danilo Ceccarelli del Cala Felice beach club e a tutti coloro che hanno supportato questo evento sin dall’inizio».