movimento 5 stelle.jpgFollonica: Quando si parla di mafie o comunque di un sistema mafioso si pensa che sia una questione tutta meridionale, purtroppo sono anni che la malavita organizzata, sotto le sue varie sembianze, è emigrata nel resto dell’Italia e in buona parte del mondo. La triste vicenda che colpisce duramente Follonica non è altro che la conferma che anche la Toscana e purtroppo la nostra città non si devono sentire immuni da questi sistemi delinquenziali.

Cgil: «non si possono usare i bambini come “scudi umani” per ottenere il pagamento della mensa da parte dei loro genitori. Serve buon senso. Ci sono altri mezzi per recuperare i crediti vantati dal Comune»

Grosseto: «Non si possono usare i bambini come “scudi umani” per riscuotere le rette della mensa evase dai genitori. Rispetto alla sanatoria delle morosità di alcune famiglie – sottolinea la Camera del lavoro di Grosseto - l’Amministrazione comunale si è comportata come il classico elefante in una cristalleria, riuscendo a gestire nel peggiore dei modi una battaglia legittima rispetto all’equità.

Grosseto: "Sulla refezione scolastica alla fine hanno perso tutti, a cominciare dai bambini, trattati diversamente in base al comportamento dei loro genitori. Ma con la scelta del Comune ha perso soprattutto la scuola, che ha abdicato al suo fine essenziale di “comunità educante”, ponendosi in secondo piano rispetto alle famiglie".  Così il M5S Grosseto in un comunicato a firma di Daniela lembo, Antonella Pisani, Francesca Amore, Gianluigi Perruzza, che continuano: "Eppure l’Assessora Veltroni quale persona “abilitata all’insegnamento con qualifica di maestra di scuola media inferiore” vantando competenze personali che vanno dalla Didattica alla Pedagogia

Santa Fiora: <<Adesso basta con altre centrali geotermiche nell’Amiata: abbiamo presentato una Mozione al consiglio comunale - scrivono i Consiglieri comunali "Un Comune per Tutti" Riccardo Ciaffarafà, Giacomo Albertini, Paolo Vichi - per impegnare il Sindaco e il Comune a bloccare il progetto di Sorgenia Geothermal srl che vorrebbe costruire una centrale geotermica nei pressi della frazione di Bagnolo, con 17 pozzi sparsi fra i comuni di Santa Fiora, Piancastagnaio e Castell’Azzara.

Castel del Piano: “Dai dati in nostro possesso risulta che a Casteldelpiano, al 1° Gennaio 2017, gli immigrati censiti sono 838 su 4771 residenti di cui circa 400 tra i 25 e 45 anni e rappresentano il 17,6% della popolazione residente. L'anno precedente, sempre a Casteldelpiano, gli stranieri censiti erano 756 su una popolazione sostanzialmente invariata, e rappresentavano il 16,1%. In un anno la percentuale di stranieri è, quindi, aumentata dell’1,5 % mentre gli italiani, oltre a fare sempre meno figli, hanno intrapreso la via di un lento spopolamento delle zone del Monte Amiata". Scrive Luca Santi, Segretario Territoriale Forza Nuova Amiata per la Federazione di Grosseto.

Grosseto: Sulla questione sicurezza a Grosseto, Elisabetta Ripani Capogruppo di forza Italia in Comune risponde a Mascagni. "Il miglior modo per mettere a tacere le polemiche - dice Elisabetta Ripani - è parlare con i fatti. L’istituzione di un assessorato alla sicurezza è stata fortemente voluta da Forza Italia, poiché trattasi di un problema caldo a livello locale che si inserisce in un quadro nazionale a dir poco raccapricciante. Nei dieci anni di amministrazione di centrosinistra, caratterizzata dalla più totale inerzia, in cui l’allora opposizione di centrodestra alzava la voce sulla sicurezza urbana, nulla è stato fatto se non consegnare la città al completo abbandono e, si sa, il degrado richiama degrado e nel degrado si sviluppano la delinquenza e la microcriminalità.

Grosseto: “Non ci meraviglia che il capogruppo del Partito Democratico Lorenzo Mascagni non abbia ancora compreso le ragioni per le quali questa amministrazione ha istituito un Assessorato ad hoc sulla Sicurezza. Solo qualche anno fa lui e il suo partito negavano che vi fosse un problema di sicurezza e di legalità in città e nelle frazioni, ergo non riuscivano a dare una lettura della realtà poiché non erano affatto in sintonia con i cittadini di Grosseto. Non a caso sono stati battuti alle elezioni di un anno fa. Apprendere i dati ministeriali relativi all’anno scorso e rielaborati dal Sole 24 Ore, dovrebbe essere utile per la sinistra locale poiché nella prima metà dell’anno erano ancora loro a governare la città, con la Giunta Bonifazi.

Grosseto: "Il Mercato Coperto Cittadino - si legge nella nota del Comitato Comunale di Grosseto del Partito Socialista Italiano -, considerato che, nel nostro territorio, attività di proporzioni nazionali si stanno espandendo con importanti ritorni sull’economia cittadina, assume una rilevante importanza commerciale e anche, per altri versi, sociale.
Riteniamo, inoltre, compito dell’Amministrazione, sempre nell’ambito della
corretta concorrenza fra le parti, facilitare la fruizione delle attività che propongono
prodotti del nostro territorio e che sono riconosciute come di particolare eccellenza.

Grosseto: "In data 28 marzo - si legge nella nota della Federazione Provinciale di Grosseto del Partito Socialista Italiano - abbiamo inviato all’attenzione del Presidente della Provincia di Grosseto e Sindaco del Comune di Grosseto una nostra proposta circa l’intestazione a Mario Ferri della Cittadella dello Studente.
La nostra proposta era motivata, oltre che dal fatto che la realizzazione della
struttura è dovuta ad una brillante intuizione di Mario Ferri, da tutti ampiamente
riconosciuta, anche per la statura dello stesso che, nel corso della sua brillante
carriera nelle principali istituzioni della Repubblica, non ha mai trascurato il suo
territorio con altre numerose iniziative volte alla valorizzazione di Grosseto e della
Maremma.

Logo PCI.pngGrosseto: La segreteria provinciale del PCI esprime piena solidarietà e appoggio politico alle lavoratrici e lavoratori dipendenti dalle Amministrazioni provinciali impegnati in una forte mobilitazione con lo sciopero e manifestazione a Roma di venerdì 6 ottobre tesa a risolvere la grave situazione in cui si trovano.

Il PCI ripetutamente, ed in particolare dopo il referendum del 4 dicembre 2016, ha denunciato lo stato di abbandono delle Amministrazioni delle Province e delle Città Metropolitane che sono di fatto uscite rafforzate dal voto ma che sono governate da consiglieri comunali e sindaci –presidenti costretti a farlo part-time con pochissime risorse a disposizione.

Grosseto: La sede provinciale del partito Forza Italia, in via Cavour 13 nel centro storico di Grosseto, apre al pubblico tutti i venerdì pomeriggio con orario 16:30 - 19:00, sotto la supervisione di Giampiero Lucchetti, membro del direttivo provinciale.
La prima giornata di apertura vedrà come tema centrale la prosecuzione della raccolta firme per sollecitare la rapida approvazione in Senato della legge sulla videosorveglianza negli asili e nelle case di riposo, battaglia che da sempre vede Forza Italia schierata in prima linea a livello locale e nazionale.

Capalbio: "È davvero sorprendente - scrive Luciano Piccolotti per M5S Capalbio - la reazione che la gran parte dei sindaci di ATO sud ha avuto per i 160 mila euro di aumento dei compensi per i manager di SEI Toscana. Certo, nella situazione di commissariamento in cui versa SEI Toscana tale aumento è del tutto fuori luogo, ma è anche vero che 160 mila euro non andrebbero ad incidere sulla tariffa TARI che i cittadini delle tre provincie di Arezzo, Siena e Grosseto si troverebbero a dover pagare. E allora perché ci si indigna oggi e non ci si è indignati in passato per fatti molto più gravi come il rinvio a giudizio del Direttore Generale di ATO sud e del Direttore Tecnico di SEI Toscana?

Follonica: "Meglio tardi che mai! - scrive il consigliere comunale Daniele Pizzichi -. Sullo spaccio di droga, il sindaco immobile da molto tempo.
Leggo che questa amministrazione ha disposto un presidio fisso all'interno della pineta di ponente per prevenire e contrastare il traffico illecito di sostanze stupefacenti.
Molto bene, ma come mai si interviene soltanto adesso?

Grosseto: "Ha avuto molto risalto sui media locali e nazionali l'arresto, su ordine della procura di Siena, da parte dei carabinieri di 3 caporali, accusati di intermediazione illecita e sfruttamento selvaggio di mano d'opera. Dal 2015, insieme ad altre organizzazioni, Attac Grosseto - scrivono Silvano Brandi e Gian Piero Ciambotti - aveva denunciato all'opinione pubblica che il caporalato si era insediato stabilmente anche nelle provincie di Grosseto e Siena assumendo dimensioni sempre più consistenti, infatti coinvolgeva, e crediamo che ancora coinvolga, migliaia di lavoratori.

Follonica: "Ci uniamo - scrive Sandro Marrini capogruppo consigliare Forza Italia Follonica - all’appello del sindaco Andrea Benini rivolto al Prefetto di Grosseto, mettendo da parte ogni tipo di polemica politica e pensando al bene della comunità. E’ urgente trovare una soluzione al problema dei richiedenti asilo, sistemati in una struttura al confine con Follonica e privi di controllo: queste persone raggiungono ogni giorno la città del Golfo in bicicletta e con i mezzi pubblici e - ovviamente non tutte - commettono dei reati, anche molto gravi. Reati che ad oggi hanno più volte creato danni e disturbato i follonichesi. E’ necessario quindi che qualcuno si prenda le responsabilità di quanto sta accadendo nel Golfo.

grosseto comune duomo.jpgGrosseto: Nominata la commissione Pari opportunità del Comune di Grosseto. Il Consiglio comunale ha approvato oggi, venerdì 29 settembre, la delibera che sancisce la nascita di questo organismo. I membri saranno Francesca Nicoletti, Elena Barneschi, Giuliana Romualdi, Alessandra Gammino, Angela Cipriano, Chiara Ghirardi, Silvia Mencagli, Federica Frusoni, Donatella Armellini, Giulia Milizia, Barbara Madrigali, Lorella Ronconi, Giovanni Rispoli, Simone De Nicola e Luigi Asteni. Questo è solo il primo passo di un lungo progetto su cui l'Amministrazione comunale di Antonfrancesco Vivarelli Colonna ha deciso di puntare.

Massa Marittima: Il Consiglio di Massa Marittima è stato un momento che ha sottolineato le gravi inadempienze nella
comunicazione da parte del Sindaco e del Presidente dell’Istituto Falusi.
Sono queste le prime dichiarazioni che gli esponenti del PCI, Fedeli, Barzanti e Lorenzini hanno fatto per la poca trasparenza che manca da mesi sui problemi del Falusi per i quali, anche dal Consiglio Comunale, non sono state date risposte chiare.

Grosseto: "Siamo rimasti amaramente sorpresi nel leggere l'articolo apparso sul Tirreno di ieri, 26 Settembre, circa le famose porte recentemente installate nell’atrio del Palazzo Comunale". Scrive così in una nota l'associazione Grosseto al Centro.

L’assessore si è dimesso per motivi personali. Nuove deleghe anche per il vicesindaco Chiara Mori.

Roccastrada: Nuova distribuzione di deleghe e cambio nella giunta comunale di Roccastrada, dove Massimo Luschi prende il posto di Bruno Medda, dimissionario per motivi personali. Il nuovo assessore, classe 1949, laureato in ingegneria e dirigente in pensione dell’area Politiche del patrimonio e Protezione Civile della Provincia di Grosseto, seguirà, nella squadra di governo del sindaco Francesco Limatola, i lavori pubblici e il patrimonio.

Scansano: A Scansano, presso la sala della Cooperativa Agricola di Pomonte, si è tenuto l'incontro pubblico su "Agricoltura, Allevamento, Progetti di Filiera: Sviluppi e Opportunità", organizzato dal Partito Democratico di Scansano.