Grande prestazione per il driver lucchese dominatore incontrastato nel CRZ 6. zona coeff.1,5 organizzato dall'Aci di Lucca con la compartecipazione esterna della Maremma Corse 2.0.

Michelini ha preceduto Pierotti , sul secondo gradino del podio, mentre al terzo posto si è classificato Arzà. Grande favorito della vigilia, Michelini, non ha deluso le  aspettative.

di Gianni Mancini

Lucca: E' stata poco più di una formalità per Rudy Michelini aggiudicarsi la 55° edizione della Coppa Città di Lucca, andata in scena senza pubblico, organizzata dall'Aci di Lucca con la compartecipazione esterna della Maremm Corse 2.0.
Michelini firma così un magnifico poker, bissando i successi conseguiti nelle ultime tre edizioni.
Al volante della Wolkswagen Polo, targata Movisport, il driver pistoiese è stato subito protagonista di una gara che poi ha letteralmente dominato, infliggendo pesanti distacchi agli avversari. Alle spalle di Michelini nettamente staccati, Pierotti a 31” (Wolkswagen Polo) e Arzà (Citroen C3 R5)  a 40”2.

Il 40enne driver pesciatino, con a fianco il fido Perna, si è imposto con sicurezza e determinazione, dominando la gara da par suo. Michelini si è reso protagonista  di una prestazione  priva di sbavature e aggiudicandosi cinque delle sei prove speciali n programma.
Grande favorito della vigilia, Michelini, non ha deluso le aspettative, imponendo alla gara un ritmo al quale i suoi più diretti avversari non sono stati in grado di rispondere. L'atteso confronto con Scandola è stato ampiamente dominato da Michelini, alle spalle del quale  è giunto Pierotti distanziato di 31”, mentre al terzo posto è giunto Arza a 40”2.

Grande soddisfazione al termine della gara per il successo conquistato, banco di prova molto positivo per il pilota pesciatino in vista del prossimo rally Roma Capitale, soddisfatto sopratutto per il feeling raggiunto con la vettura ancora una volta positivo grazie alla Pa Racing. E' stata una gara molto tirata con crono ridotto ma grande felicità per il poker conquistato nella gara a me molto cara, a detto Michelini.
Partenza fulminante  di Michelini che mette in chiaro le sue intenzioni facendo registrare il miglior tempo sulla prova di San Rocco, conScandola a 4”1 e Gaddini a 7”6. Sulla speciale di Cune è Pierotti ad avere la meglio su Michelini di appena 5 decicimi, ma lo stesso Michelini attacca a fondo sulla speciale di Pizzorne dove infligge 7”2 a Pierotti a 10”7 ad Arzà, prendendo la testa della classifica che poi consoliderà dopo la speciale di san Rocco, con Pierotti a 17”9 e Arzà a 27”6. Michelini controlla la gara da par suo dominando e retanti speciali e andando a conquistare un meritatissimo poker sulle strade di casa.

Grande successo tecnico e organizzativo con 110 equipaggi al via di una gara orfana del pubblico per e note vicende.