CAMP.ITALIANOMR2018_foto04(c)AsiaFossi.jpgAl ravennate Jacopo Pasini il settimo titolo italiano nella disciplina dell’uno contro uno. Medaglia d’argento ai campioni italiani U23, RBYS, capitanati da Rocco Attili. Bronzo italiano al team di Lorenzo Carloia.

Scarlino: Con la disputa delle semi finali e delle finali, con un bel vento fresco di scirocco, si conclude il Campionato Italiano Open Match Race.

Soddisfazione per il ravennate Jacopo Pasini, che schiera a prua il fratello Federico, e i concittadini Michele Mazzotti e Manuele Pasotti, rispettivamente alla randa e alle scotte.

Pasini e Attili avevano terminato il ciclo dei due round robin a pari punti; entrambi hanno vinto le rispettive semifinali, per poi trovarsi a confrontarsi nelle finali, che hanno visto la vittoria di Pasini nei primi due incontri, consacrandone, pertanto, la vittoria overall.

Nella petite finale tra il 3’ e il 4’ posto, il team di Lorenzo Carloia (con alla randa il follonichese Stefano Meciani) ha dovuto cedere il posto al polacco Harasimowicz, dovendosi accontentare del quarto posto, sia pur terzo italiano.

Un plauso al team degli ufficiali di regata, impegnati nella gestione dell’evento, e capitanati, rispettivamente da Roberta Righetti (Presidente del Comitato di Regata) e Luigi Bertini (Capo Arbitro), anno saputo interpretare il campo di regata, e gestire al meglio le chiamate dei team.

Con questo evento cala il sipario sulla stagione agonistica del Club Nautico Scarlino, che ospiterà nei prossimi mesi due raduni del Gruppo Agonistico Nazionale Optimist.

Fervono già i preparativi per una stagione agonistica 2019 che si preannuncia densa di appuntamenti velici interessati, che spazieranno dall’altura alle derive, senza tralasciare il match race, fiore all’occhiello del club maremmano.

L’evento è organizzato dal Club Nautico Scarlino, con il supporto tecnico di Marina di Scarlino, Resort Baia Scarlino e Scarlino Yacht Service, e la collaborazione tecnica di Harken Italia.