"Nuove chiusure? - scrivono - Sarebbe un prezzo troppo alto da pagare per la nostra comunità".
Di seguito il testo dell’appello firmato dai sindaci dei Comuni di Calenzano, Campi Bisenzio, Lastra a Signa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa, Vaglia.

Firenze: "In queste settimane estive - si legge nella lettera firmata dai Sindaci dei sette comuni fiorentini -, le istituzioni scolastiche e gli enti locali stanno lavorando fianco a fianco per permettere un rientro a scuola sereno e sicuro. La lunga interruzione della normale attività dal 5 marzo scorso, nonostante il grande sforzo messo in atto per supplire alla distanza fisica, ha rappresentato un fatto senza precedenti, che ha segnato e segnerà senza dubbio un’intera generazione.

Soprattutto pensando a quei ragazzi e a quelle famiglie più fragili, per cui più che per altri la scuola rappresenta un luogo insostituibile di apprendimento e socializzazione, siamo convinti che le scuole debbano riaprire le loro porte e che debbano essere messe in atto tutte le misure possibili per scongiurare una nuova battuta di arresto.

Come Comuni stiamo effettuando tutti quegli interventi alle strutture individuati insieme ai dirigenti scolastici, e stiamo riorganizzando i servizi di nostra competenza (mensa, trasporti, assistenza agli studenti disabili) in modo tale da garantirne la qualità anche con le nuove modalità previste dalle indicazioni ministeriali. I dirigenti, gli insegnanti, il personale tutto, stanno “ripensando” interamente la scuola con passione e competenza per far sì che possa riprendere a svolgere a pieno il suo ruolo nella società, essendo nel contempo in condizione di gestire, insieme alle autorità sanitarie, eventuali contagi.

L’esperienza di questi difficili mesi ci ha dimostrato l’importanza della responsabilità individuale per arginare i contagi: il rispetto delle limitazioni, anche molto pesanti, ai movimenti e alle attività, l’utilizzo dei dispositivi di protezione, la collaborazione nei tracciamenti e negli screening.

Le disposizioni per il rientro a scuola prevedono l’effettuazione su base volontaria del test sierologico per tutto il personale che fra pochi giorni accompagnerà i nostri ragazzi in questo atteso, e in parte anche temuto, rientro a scuola: docenti, personale Ata, educatori, personale della mensa, autisti… Con il sistema “Rientroascuola” la Regione Toscana ha messo in campo risorse ingenti per garantire a tutti di poter accedere al prelievo in tempi brevi e diffusamente sul territorio.

Migliaia di persone nella Asl Toscana Centro hanno già aderito alla campagna di screening, iniziata il 20 agosto.

Noi sindaci della zona Fiorentina Nord Ovest facciamo appello a tutte le cittadine e i cittadini, ed in particolare a coloro che lavorano nel mondo della scuola, affinché si sottopongano al test sierologico in vista dell’inizio dell’anno scolastico, per monitorare l’andamento del virus, arginare i nuovi contagi e ridurre così al minimo il rischio di nuove chiusure, per cui l’intera comunità pagherebbe un prezzo troppo alto".