Albinia: Già da qualche giorno, la Misericordia di Albinia è impegnata nella somministrazione dei test sierologici eseguiti con la “tecnica del pungidito” che permette di dare una risposta immediata a chi vi si sottopone.

Lunedì 18 maggio è stata la volta anche di Pitigliano dove, presso i locali del Seminario vescovile, è stata sottoposta al test la parte del clero diocesano, per lo più della zona collinare, poiché altri test sono stati effettuati a Porto Santo Stefano, che ha aderito all’iniziativa unitamente ai laici che operano nelle associazioni locali e negli uffici di Curia.

Due volontari della Misericordia di Albinia hanno supportato nell’espletamento del servizio le due infermiere, Carlotta e Silvia, della Misericordia di Firenze, sia nel turno della mattina che in quello pomeridiano.

Ha organizzato efficacemente i turni della giornata il Vicario generale della Diocesi di Pitigliano-Sovana-Orbetello don Luca Caprini che si è anche prodigato nel gestire in sicurezza l’ingresso scaglionato di sacerdoti, diaconi e laici alla sala adibita all’esecuzione del test ed il loro smistamento nell’altro locale predisposto all’attesa dell’esito dello stesso. Un grazie, dunque, a don Luca che ha collaborato con infermieri e volontari nella gestione di una giornata faticosa, ma che ha reso un servizio alla comunità.