vittorio martinelli la farfalla.jpegLettera aperta del presidente Associazione La Farfalla Roberto Vittorio Martinelli

Grosseto: "In un momento storico in cui purtroppo non abbiamo certezze, - scrive Roberto Vittorio Martinelli - sembra doveroso fare chiarezza sul ruolo della associazione La Farfalla e le cure palliative".

"Da sempre abbiamo lavorato, - prosegue il presidente Martinelli - e continueremo a farlo, a fianco dei medici palliativisti della nostra UF. e ai medici di medicina generale su mandato e indicazione loro e della Asl con la quale da anni abbiamo una convenzione che permette di seguire a domicilio i casi più critici per i quali sono talvolta richiesti più accessi giornalieri .

Questo è possibile con l' impiego del nostro personale infermieristico formato nel tempo anche dai medici palliativisti che hanno sempre apprezzato il nostro lavoro. Altrettanto importante il contributo delle nostre 3 psicologhe che da
anni seguono pazienti e famiglie nel territorio ed in hospice.

Detto questo vorrei che fossero chiari 2 aspetti: Il percorso territoriale di Cure Palliative pubblico viene attivato dalla Asl su richiesta dei Mmg e dei medici Cure Palliative, tutti dipendenti Asl che, successivamente, interessano La Farfalla nei casi selezionati con maggiore bisogno assistenziale.

L' Hospice (che non è il reparto "la Farfalla") e tutti gli operatori sono struttura e personale Asl dove noi siamo presenti da sempre con psicologhe, volontari e con il contributo nell' acquisto e ripristino di parte degli arredi sempre in accordo con la ASL.

La mission per cui è nata la nostra Associazione, il nostro credo, sono le Cure Palliative e su questo abbiamo curato anche la formazione del personale infermieristico e volontari grazie al contributo dei medici di Cure Palliative, Mmg, e alle nostre psicologhe. Inoltre da due anni ci stiamo occupando di dolore anche attraverso la Scrambler Therapy: un macchinario utilizzato da personale preparato, che ci consente di ridurre e, in molti casi di eliminare, dolore neuropatico o oncologico", conclude il presidente de "La Farfalla".