Regione_Toscana logo.jpgFirenze: Si è tenuta oggi pomeriggio nella sede dell'assessorato al diritto alla salute la consueta riunione della task force istituita dalla Regione per fronteggiare l'emergenza Covid-19.

infermieri.jpgMartedì 18 la presentazione all'Osmannoro.

Tra i 51 progetti finanziati, la Sud Est è capofila di due e partner in otto.
 
Grosseto: Sono 10 i progetti che vedono protagonista la Asl Toscana sud est tra i 51, vincitori del bando regionale “Ricerca Salute 2018”, a cui in totale sono stati assegnati 27,5 milioni di euro. I progetti approvati coprono tre ambiti di ricerca: medicina di precisione e personalizzata; nuovi modelli organizzativi e gestionali per il miglioramento dell'assistenza, diagnosi e cura, riabilitazione nel SSR; ricerca in ambito oncologico. La Sud Est, insieme ad altri enti e aziende sanitarie, è partner in 8 progetti e capofila di due: il progetto Corelab e il progetto FAIR AC.

Novità nella lotta all'artrite reumatoide: introdotti nuovi farmaci biotecnologici nella terapia.
I pazienti in carico presso l'ambulatorio di Reumatologia del  Misericordia potranno usufruirne previa visita.

Grosseto: Nuova terapia farmacologica per curare l'artrite reumatoide  adesso a disposizione dei pazienti della Asl Toscana sud est, in cura presso l'ambulatorio di Reumatologia dell'ospedale Misericordia.

Grosseto:  Conferenza di Avis per presentare i dati del bilancio 2019, con una riflessione sul tema donazioni in provincia di Grosseto. Presente il presidente provinciale Carlo Sestini e il presidente di Avis Comunale Grosseto, Erminio Ercolani.

AUSL_Toscana_Sud_Est.jpgL’organizzazione del lavoro “tarata” sulle esigenze delle donne. Il progetto innovativo è partito a gennaio.

Arezzo: La Asl Toscana sud est è capofila di un innovativo progetto nazionale sul “Bilancio di genere”, promosso da Anaao Toscana in collaborazione con il Laboratorio MeS - Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

ospedale reparto.JPGFirenze: Nel pomeriggio di oggi, lunedì 3 febbraio, si è insediata, con una riunione nella sede dell'assessorato al diritto alla salute, la task force regionale sul coronavirus 2019-nCoV, per definire organizzazione e modalità di lavoro.

analisi cibo.jpegCamilla Bianchi raccoglie l’appello dell’Unione giovani italo-cinesi: “Il nostro ruolo di adulti impone atteggiamenti più responsabili. Non lasciamoli indietro, per loro è difficile comprendere il falso pregiudizio di essere riconosciuti come origine e causa del virus.

infermieri.jpgdi Lucia Zambelli

Firenze: Una task force regionale, pagine dedicate al coronavirus sul sito della Regione.

Tarquinia: Sono state 106 le persone visitate nella giornata di screening gratuito del glaucoma organizzata da World medical aid, al centro anziani di Tarquinia, con il patrocinio dell’Amministrazione comunale. “Un’iniziativa pensata e realizzata per la prevenzione dal glaucoma – sottolinea l’associazione -. La patologia non dà sintomi fino agli stadi tardivi ed è tra le prime cause di cecità irreversibile. Per questo motivo, durante gli screening, invitiamo le persone a fare visite periodiche per prendersi cura dei loro occhi”.

Alessandra Romagnoli.JPGGrosseto: Sempre più persone con disabilità accedono alle cure attraverso il programma PASS (Percorsi Assistenziali per i Soggetti con bisogni Speciali), progetto della Regione Toscana, primo in Italia, adottato anche nella Asl Toscana sud est. 

ospedale.jpgFirenze: L'istituzione di una task force entro la fine della settimana, simulazioni negli ospedali, contatto costante con il Ministero della salute e con tutte le aziende. Ecco come si sta muovendo la Regione Toscana di fronte all'allerta del nuovo Coronavirus.

Un team di professionisti del Gruppo Vasari offrirà sostegno a chi soffre di disagi nella sfera sessuale. Martedì 28 gennaio e 4 febbraio Open day per presentare il servizio.

Grosseto: Nasce a Grosseto la prima equipe dedicata alle disfunzioni sessuali.

Ecco gli ambiti di applicazione e i primi risultati.

Grosseto: “Quale conseguenze ha avuto il trauma dentro la testa del paziente?”. Questa è una delle domande più importanti che il medico si fa di fronte a un evento traumatico, come un incidente, e dalla cui risposta più o meno tempestiva può dipendere la vita del paziente stesso.

La Sud Est è pronta anche se il Ministero definisce il rischio moderato.

Grosseto: Aziende sanitarie, Ministeri, Ordini professionali di medici e infermieri, Enti Locali: il Ministero della Salute ha inviato a tutti una nota che definisce il rischio medio e dà direttive per l’identificazione di un caso sospetto di infezione da coronavirus.

Ieri e oggi all'auditorium del Misericordia.

Grosseto: Quali sono le ultime innovazioni in ambito oncologico? Questo sarà il tema portante delle convegno “Innovation in Oncology: fron scientific evidence to real world evidence” in corso di svolgimento presso l'auditorium dell'ospedale Misericordia.
Il convegno, organizzato e ospitato dal Polo Oncologico di Grosseto, sarà una grande opportunità di confronto e di discussione tra numerosi professionisti  e ricercatori provenienti da tutta Italia, che si confronteranno sulle più recenti novità riguardanti il trattamento delle patologie oncologiche.

ospedale grosseto sala gessi.jpgFirenze: Da lunedì 20 gennaio è in funzione in tutti gli ospedali della Toscana il numero unico per le emergenze intraospedaliere.

assemblea.jpgGrosseto: “Noi siamo voi. #altuofianco”, questo è lo slogan della III Convention del Dipartimento delle professioni infermieristiche e ostetriche della Asl Toscana sud est, organizzata oggi presso l'auditorium del Misericordia. 

Rinnovata la convenzione con i privati accreditati per prestazioni aggiuntive.

Grosseto: Prosegue il piano di azioni della Asl Toscana sud est per abbattere le liste di attesa. Oltre alla realizzazione di soluzioni attivate all'interno dell'Azienda, come la possibilità di avvalersi dell'attività in aggiuntiva, attualmente valida e in corso, nella zona di Grosseto è stata da pochi giorni rinnovata la convezione con privati accreditati per l'erogazione di prestazioni supplementari.

infermieri.jpgFirenze: Con il caso del bambino di 13 anni ricoverato al Meyer per meningite B, nel 2019 sono in tutto 13 i casi di meningite che si sono verificati in Toscana: 5 del ceppo C, 6 del B, 2 del W.