Gavorrano: Cresce il team azzurro in Maremma, anche Gavorrano ha il suo coordinamento comunale. Sandro Marrini, responsabile provinciale di Forza Italia Grosseto, nei giorni scorsi ha ufficializzato la nascita del circolo gavorranese del partito. «Anche Gavorrano entra nel coordinamento provinciale con un gruppo di persone attente e preparate che da adesso lavoreranno in sinergia con il resto dei circoli maremmani – spiega Marrini -.

Follonica: A chiedere chiarezza è il Movimento 5 Stelle Follonica.
"Il via libera al progetto della riqualificazione del punto di ormeggio in concessione al Circolo Cala Violina non ci convince - si legge nella nota stampa del M5S Follonica -. Come gruppo consiliare abbiamo presentato una Domanda di Attualità al Sindaco nella quale pretendiamo chiarezza sulla strada percorsa dall’Amministrazione. Giustificare la concessione di un terreno adibito a parco pubblico curato da cittadini per la realizzazione di un parcheggio temporaneo, al fine di ottemperare alle disposizioni del MASTERPLAN della rete dei porti toscani è improprio e fuorviante.

fare grosseto.jpgGrosseto: Negli ultimi 40 anni le amministrazioni che si sono succedute hanno fatto scelte politiche poco lineari e spesso contrastanti. Come è possibile pensare di poter conciliare politiche di sviluppo del turismo, in particolare sfruttando le incredibili bellezze naturalistiche della Maremma, facendo invece scelte scarsamente attente

M5S blog Castiglione.pngFirenze: Il 31 agosto è in programma la riunione del Cda di Sei Toscana per l’approvazione del nuovo piano industriale. A ridosso di quest’importante appuntamento ci troviamo dinanzi a uno scenario tutt’altro che rassicurante.
Tariffe salate, servizio pessimo. “Il gestore – spiega il consigliere regionale del M5S, Giacomo Giannarelli - ha un contratto fino al 2034, con un appalto da circa 3,5 miliardi di euro, scarica ogni costo facendo lievitare le tariffe imposte ai cittadini, opera in condizioni di monopolio e non deve affrontare alcun rischio d’impresa. Eppure Sei è riuscita a maturare un disavanzo di circa 4,5 milioni. Ci domandiamo come sia possibile e vorremmo che i vertici della società spiegassero questo disastro ai cittadini”.

logo fratelli d'italia meloni.jpgCastiglione della Pescaia: “In nome e per conto di un principio comunitario, gli stabilimenti balneari nell’anno 2020 potrebbero essere messi all’asta, favorendo i grandi gruppi e le multinazionali”. A dirlo in una nota è Gaia De Gregori di FDI – Castiglione della Pescaia.

caNA.JPG“Interrogazione del capogruppo PD, Giuseppe Conti”

Roccalbegna: Crollano ponti, strade e viadotti, e le cause principali sono sempre le stesse. Assenza di manutenzione, uso di materiali di scarsa qualità e soprattutto mancato monitoraggio delle strutture così definite sensibili. Le stesse motivazioni che i periti nominati dalla Procura individuarono a seguito del crollo che nel 2013 interessò parte delle antiche Mura medioevali della frazione di Cana.

scarlino_inceneritore.jpgFollonica: “Prendere posizione contro la Regione e un atto importante. Per questo abbiamo apprezzato la presa di posizione del sindaco Benini conscio che i rapporti con la regione Toscana sono complessi e articolati e non si limitano alla vicenda inceneritore”. 

M5S blog Castiglione.pngFollonica: “Anche tu vuoi un mare senza plastica? Allora partecipa all’iniziativa del Movimento 5 Stelle “IoSonoPlasticFree”.  Con questo slogan apre la nota del M5S – Follonica, che continua: “Insieme ad una delegazione dei parlamentari Penta-Stellati, giovedì 30 agosto alle ore 16.00 presso la spiaggia pubblica davanti all’Ex-Florida ci ritroviamo per promuovere una campagna contro gli oggetti di plastica usa e getta che stanno avvelenando i nostri mari!”

Fattori (Sì): "Basta discariche, servono impianti per inertizzare la fibra killer. Le tecnologie esistono".

Firenze: “In Toscana delle quattro discariche per RCA (Rifiuti contenti amianto), due hanno esaurito la cella amianto (Tiro al segno e Bulera) ed una è stata a lungo sotto sequestro (Cassero).

elezioni comunali (1).jpg“Già si registrano i primi movimenti tra le forze politiche”. “Il quadro però, risulta ancora molto incerto”.

di Franco Ferretti

Grosseto: Siamo quasi agli sgoccioli delle vacanze estive, ma la politica di fatto non è mai andata in ferie. Nella nostra provincia, che nella prossima primavera del 2019 rinnoverà ben sedici amministrazioni comunali, le varie forze politiche già da qualche tempo si stanno muovendo, con i primi approcci e vari “abboccamenti”.

leonardo marras.jpg“L’impianto di Scarlino non può stare nel Piano regionale dei rifiuti”

Firenze: “Ho espresso pochi giorni fa la mia posizione in merito all’impianto di Scarlino, torno a farlo oggi con la medesima convinzione alla luce, anche, delle evoluzioni degli ultimi giorni”. Così Leonardo Marras, capogruppo PD Regione Toscana, intervenendo sulla vicenda del via libera all’inceneritore di Scarlino da parte della Regione.

inceneritore di scarlino2.jpg“L’aut-aut al PD sarebbe dovuto arrivare molto tempo fa”

Scarlino: “Sull’inceneritore di Scarlino l’atteggiamento del centrosinistra è imbarazzante, e lo è sempre stato”. A dirlo in una nota congiunta sono Alessandro Marrini capogruppo Forza Italia-Follonica e Agostino Ottaviani capogruppo Fratelli d’Italia-Follonica.

inceneritore di scarlino3.jpg“Bene i sindaci Benini e Stella”. Dichiarazione congiunta delle Segreterie Comunali del PCI di Follonica e Scarlino

Scarlino: “Il PD è il responsabile delle scelte sull'inceneritore di Scarlino. Da anni porta avanti politiche contro i cittadini e i lavoratori senza pensare alla salute e alla salvaguardia dell'ambiente. Ambiente già molto compromesso nella piana di Scarlino”.

Grosseto: Pochi dubbi sul fatto che l’inceneritore di Scarlino rappresenti un errore. La verità lentamente sta venendo a galla e anche le posizioni politiche stanno iniziando a collimare. «Siamo davanti a una lampante contraddizione – spiegano da Fare Grosseto -. Chi nel 2006 lo ha voluto, approvando per due volte le prescrizione e chi primsa sottoscrisse  il patto con la societa' Futura costringendo  i comuni maremmani di rimanere vincolati  alla società gestore delle Strillaie per tanti anni, oggi sostiene che l’impianto è superato e va chiuso».

Grosseto: "La risposta del direttore generale dell’Asl, Enrico Desideri, alle nostre domande - afferma Sandro Marrini coordinatore provinciale Forza Italia Grosseto - sulla situazione del reparto di Chirurgia dell’ospedale di Massa Marittima conferma quanto sospettavamo. Nelle frasi confuse che esprime – prima sostiene che non verrà eliminata la reperibilità notturna e nei giorni festivi, poi dice che 3 casi (nel 2017) sono pochi per tenere un servizio attivo di notte e durante le feste – leggiamo la stessa identica risposta che venne data dall’Asl anni fa per l'Ostetricia massetana, e sappiamo tutti che fine abbia fatto.

Follonica: "Il 30 luglio la REGIONE TOSCANA (targata PD) ha sancito la riapertura di quel ferro vecchio che è l’inceneritore di Scarlino. Ma non lasciamoci ingannare    - scrive il Movimento 5 Stelle Follonica in una nota - dalla contrarietà dei Comuni di Follonica e Scarlino; una contrarietà fatta solo di carte bollate e non di sostanza.

I Comuni di Follonica e Scarlino sono responsabili - e proni - delle scelte scellerate della gestione dei rifiuti nell’Ato Toscana Sud volte a fornire sempre più rifiuto indifferenziato da smaltire nell’inceneritore di proprietà dello stesso PD! Si sta verificando una dismissione graduale della raccolta differenziata porta a porta poiché il porta a porta è ritenuto superato dall’Amministratore Delegato di Sei Toscana Marco Mairaghi a vantaggio dei cassonetti “intelligenti” che nel medio e lungo termine faranno crescere la quota dei rifiuti indifferenziati andando a rimpinzare l’inceneritore.

giuntini.jpgMarcello Giuntini: “Alla sindrome di Cassandra di alcuni rispondiamo con i dati: il Sant’Andrea ha ottime performance e il personale è altamente qualificato”

Massa Marittima: “Marrini legge solo sul suo libro”. Così risponde il sindaco di Massa Marittima Marcello Giuntini alle affermazioni del coordinatore di Forza Italia Sandro Marrini “ma se va a rivedersi un po’di notizie sull’argomento - prosegue - troverà numerosi interventi sia del sottoscritto sia del presidente della Sds Giacomo Termine;

Salaiola, Amiata sullo sfondo.jpgIl Presidente dell’Unione Amiata grossetana Jacopo Marini: “Sebbene siamo contenti che siano tante le persone che scelgono di venire in montagna, tuttavia chi va a cercar funghi deve tenere conto delle norme rigorose della Regione”.

Amiata: Il presidente dell’Unione dei comuni Amiata grossetana Jacopo Marini richiama i cercatori di funghi a rispettare le regole dettate dalla L.R. n. 16/99 modificata dalla L.R. n.58/2010 in vigore dal 1 gennaio 2011.

logo Comitato insieme per roccastrada. buono.jpg“Nuove tecniche di costruzioni e dissequestro della scuola di Ribolla

Ribolla: “A “bocce ferme” e con  la cautela dovuta ad un indagine ancora incorso,  preso atto della decisione, sicuramente suffragata da perizie e da nuove normative che rispettiamo, ma che non  condividiamo, veniamo ad esternare alcune considerazioni in merito”, cosi apre la nota di Insieme per Roccastrada a firma del coordinatore Moreno Bellettini e del consigliere comunale Simonetta Baccetti, che prosegue.

Forza Italia, Sandro Marrini: «Perché gli amministratori delle Colline Metallifere non protestano?»

Massa Marittima: "Continua inesorabile il ridimensionamento dei servizi sanitari all’ospedale Sant’Andrea di Massa Marittima, ma dagli amministratori locali del centrosinistra - scrive Sandro Marrini coordinatore provinciale Forza Italia Grosseto - non si leva alcuna protesta. A questo punto l’azienda sanitaria ci dica quali sono i progetti futuri per la struttura massetana, perché i cittadini devono sapere cosa li aspetta.