Il Sindaco Andrea Casamenti: "opposizione inconsistente".

Orbetello: Soddisfazione da parte della maggioranza per l'approvazione del bilancio di previsione 2018 in meno di due ore. "L'opposizione - ha commentato il Sindaco Andrea Casamenti - come sempre totalmente inconsistente che non aveva la più pallida idea di cosa si parlava confondendo anche i dati di entrata con un siparietto del Sindaco che è dovuto scendere dai banchi per portare di persona gli atti e farli leggere all'opposizione che non riusciva a capire l'a,b,c, del bilancio legato alle contravvenzioni. Un ottimo bilancio con tante opere pubbliche che andranno ad aggiungersi a quelle già finanziate lo scorso anno e aggiudicate in questi mesi con prossimo inizio.

logo LEGA.pngSono attesi a giorni nuovi arrivi di migranti a Pescina, frazione di Seggiano, il cui sindaco ha deciso di aderire allo SPRAR 2,5 migranti ogni 1000 abitanti. 

Seggiano: Per chi ancora non lo sa è un sistema d'accoglienza a migranti di secondo livello, cioè persone già con lo status di profugo accertato. Saranno ospitati in un grande appartamento reso confortevole e adatto alla necessità. Oltre all’accoglienza, il protocollo prevede anche il rilascio di documenti identificativi, l'assegnazione di un medico di base.

Paragonare Berlinguer ad Almirante aggrava una scelta irricevibile come intitolare una via a chi firmò il “bando della morte” e sostenne in modo accanito l’antisemitismo.

Grosseto: Si è riunita a Grosseto l’Assemblea generale dello Spi Cgil maremmano per l’avvio della fase che porterà al congresso della Cgil a inizio 2019. In quest’occasione non poteva mancare una riflessione, anche con il contributo di Luciana Rocchi dell’Isgrec, sulla intitolazione di una via cittadina a Giorgio Almirante, approvata dal Consiglio Comunale di Grosseto.

vivarellicolonna.jpgTre strade di Grosseto saranno, a breve, intitolate ad Almirante, Berlinguer e alla Pacificazione nazionale.

Grosseto: Invece di considerare questo un gesto di equilibrio, di apertura e di equidistanza, di superamento del conflitto ideologico che oramai ha stancato tutti, Anpi ancora una volta dimostra quanto faccia parte della propria cultura l'intolleranza, il profondo senso di illiberalità e la pericolosa ignoranza riguardo tutto ciò che significa democrazia e pluralità.

Grosseto: Fabrizio Rossi Portavoce provinciale di Fratelli d’Italia Grosseto commenta così quanto deliberato stamattina dal Consiglio Comunale di Grosseto: “Oggi abbiamo assistito a un importante riconoscimento da parte del consiglio comunale della Città di Grosseto per un amato leader politico, che fece della pacificazione nazionale, una sua battaglia storica sin dal suo esordio in parlamento nel lontano giugno 1948”.

Orbetello: "Totale mancanza di progettualità: l’Asl Toscana Sud Est ha bisogno di un cambiamento radicale ai vertici - scrive il Senatore di Forza Italia Roberto Berardi -, colpevoli di aver attuato scelte che altro non hanno fatto che togliere servizi primari ai cittadini. Il centrosinistra toscano ha fallito, un fallimento che tutti percepiscono e che si declina in tanti aspetti della sanità locale. Lo dicono anche i sindacati, riguardo al 118, riferendo che la centrale del servizio di emergenza è ancora attiva ad Arezzo mentre a Grosseto è stata chiusa da tempo.

Dichiazione della Segreteria Provinciale del PCI di Grosseto.

Grosseto: "Abbiamo letto l'ennesima provocazione del centrodestra di Grosseto. Noi del PCI, ribadiamo che non ci sono uguaglianze tra chi ha liberato il paese dal fascismo e nazismo e chi ha occupato il paese e l'Europa con la violenza. Il nome del nostro Segretario Enrico Berlinguer non é accostabile al nome di Almirante. Non barattiamo il nome di un comunista, il nome di Enrico con quello di un fascista. Questo tentativo di pacificazione e di revisionismo storico é perpetrato da anni dal PD.

Un allarme che Forza Italia lancia da mesi. E ora la dirigenza ha tutti contro.

Grosseto: "Finalmente non siamo più soli a sostenere che la sanità toscana, e quella maremmana in particolare - scrive Sandro Marrini coordinatore provinciale Forza Italia grosseto -, stia vivendo una situazione di grave crisi. Ma è una magra consolazione: significa, purtroppo, che la situazione ha raggiunto livelli così macroscopici di inefficienza che nessuno può più permettersi di ignorare il problema o sottovalutarne la portata, oppure (ancor peggio) offrire finte rassicurazioni.

Grosseto: A Grosseto la questione dell’intitolazione di una via a Giorgio Almirante, capo storico della destra parlamentare del dopoguerra in Italia, ha suscitato negli ultimi giorni molto clamore.
Facendo un breve resoconto, la proposta è stata presentata con una mozione dal Consigliere Comunale di CasaPound, recentemente escluso dalla maggioranza, Gino Tornusciolo, per riconoscere la figura di Almirante quale traghettatore delle idee proprie della destra, nella fase democratica del Paese.

Grosseto: Venerdì scorso nella Sala del Consiglio comunale di Grosseto, si è tenuta la seconda riunione del “Tavolo permanente per la Salvaguardia e il Governo della Pineta da Castiglione della Pescaia ai Monti dell’Uccellina”, nato nel Processo partecipativo “Pineta bene comune”, promosso dai Cittadini del Gruppo “Salviamo le Pinete!”, in base alla legge regionale 46/2013 sulla partecipazione.

Grosseto: "Leggiamo di una proposta per l’intitolazione a Grosseto di una via alla persona di Giorgio Almirante".
Per il Comitato comunale del Psi la proposta è inopportuna, inaccettabile e non va accolta. "Riteniamo - si legge nella nota - che non si tratti di una questione di pacificazione nazionale ma di merito politico. Il Psi, che sempre è stato contro tutte le dittature oscurantiste, di qualunque colore politico, ricorda che, quando Almirante fu membro di spicco della Repubblica Sociale di Salò diramò ordini richiedenti la fucilazione di chiunque non fosse in linea con la politica di quel governo.

Grosseto: "Non è cosa bella dire l'avevamo detto - scrive il Segretario Provinciale di Rifondazione Comunista Maurizio Buzzani -. Siamo costretti a ribadirlo posti di fronte allo "scempio" postale in atto anche nella nostra provincia; siamo obbligati nuovamente ad invocare l'unità dei Sindaci, come facemmo una prima volta nel Gennaio 2017, quando inviammo e presentammo ai sindaci e all'opinione pubblica grossetana il primo dei due dossier sui servizi postali. Nel primo dossier elaborato dai lavoratori postali emergeva lo stato disastroso in cui versava il recapito già allora. Nel secondo dossier, del novembre 2017, invitammo le amministrazioni locali a non perdere più tempo in quanto il "rullo compressore delle Poste Spa" avrebbe in ogni dove introdotto la consegna della posta a giorni alterni. Veloce come il fulmine il passo scellerato è stato fatto.

Grosseto: "Nelle immagini che si rincorrono tra quotidiani e network vediamo una città protetta e piena di cantieri. Talvolta - scrive Catiuscia Scoccati Consigliere Comunale PD Grosseto - anche semplici interventi di quotidiana amministrazione. Altri importanti interventi che sono frutto di un'oculata attenzione di un Governo, che è stato “punito”. Quest' ultimi non percepiti dalla collettività come una ricaduta positiva nelle periferie e sui singoli , che troveranno in queste azioni, beneficio economico.

E intanto si allungano le liste di attesa a Pitigliano.

Sorano: "Al punto in cui è arrivato il confronto fra i sindaci della provincia di Grosseto e l'Usl Sudest - scrive il vicesindaco di Sorano ed assessore al Diritto alla Salute Pierandrea Vanni - e per i risultati che ha finora prodotto, è assolutamente giusta la richiesta del presidente della assemblea dei sindaci Giacomo Termine di un incontro con l'assessore regionale Stefania Saccardi.

Magliano in Toscana: “Geotermia a Magliano in Toscana ? No grazie. Il nostro programma punta tutto sul benessere dei cittadini: per garantire benessere dobbiamo garantire un territorio sano, fatto di sana agricoltura, e di un turismo specializzato 4.0, arricchito dalle bellezze uniche come quelle che solo Magliano in Toscana offre. La geotermia la lasciamo ad altri, a quelli che ancora credono che sia  un’energia alternativa e pulita.”

Sono le parole di Diego Cinelli, candidato Sindaco per la Lista Civica “ Magliano Comune Aperto” che interviene su un tema caro alla popolazione del territorio. Cinelli risponde  così a dubbi o perplessità e ad accuse fatte dagli avversari.

Ci sono anche tre capoluoghi: Pisa, Massa e Siena.

Firenze: Saranno 21 i Comuni toscani che andranno al voto il prossimo 10 giugno, così come fissato dal Ministero dell'Interno. L'eventuale ballottaggio (per i Comuni oltre i 15mila abitanti) si terrà il 24 giugno. Si tratta del 7,7 del totale dei Comuni della regione, che sono 274. Dei 21 Comuni toscani, 6 sono sopra i 15mila abitanti (di cui 3 capoluoghi di provincia) e 21 sotto.

Logo PCI.pngDichiarazione della Segreteria comunale del PCI di Follonica

Follonica: Quanto accaduto ier a Follonica, accade da anni in altre città. In molti casi si tratta di guerre tra mafie e controllo dei poter dello spacci, delle prostituzione.

siria.jpgGrosseto: "L'aggressione Usa aiuta i terroristi. No alla guerra in Siria". Questo il testo dello striscione affisso nella notte da CasaPound Italia in cento città italiane. "L'attacco di stanotte alla Siria da parte di Usa, Inghilterra e Francia, sulla base dell'ultima di una serie di fake news diffuse ad arte, rappresenta un attentato alla pace mondiale e alla sicurezza dell'Europa", commenta il segretario nazionale di Cpi, Simone Di Stefano, che

simbolo nuovo fratelli d'italia.JPGGrosseto: “Lo scadente paragone apparso sulla pagina facebook e sulla stampa locale del consigliere Carlo De Martis, riguardo alla mozione presentata a firma del capogruppo in consiglio comunale di Fratelli d’Italia, Bruno Ceccherini assieme al centro destra (che sarà discussa il prossimo lunedì 16 aprile nel corso del consiglio comunale ) non fa altro che rafforzare l’intento di chi ha presentato la mozione.

Gavorrano: Il Comitato per la difesa del fiume Bruna invita i candidati sindaci di Gavorrano, l'intera classe politica toscana, gli enti locali, i sindacati, i cittadini, i lavoratori del chimico, le associazioni ambientaliste, la magistratura, a visionare il documento da loro prodotto, che contiene rilievi che potrebbero essere molto importanti per il futuro dell'intera Maremma.