Consiglio Comunale del 26102021 - YouTube Ciro Cirillo.pngEcco quello che è accaduto ieri in consiglio comunale

Grosseto: «A questa Amministrazione poco importa di quel settore economico che in questo periodo di pandemia ha sofferto e sta soffrendo a causa della restrizioni, chiusure e non da ultimo il distanziamento sociale». Questo è il messaggio che ieri la maggioranza del Parlamento cittadino ha voluto esprimere alla città di Grosseto. Un messaggio chiaro è arrivato bocciando la mozione esposta dal Consigliere della “Lega per Salvini Premier” Giacomo Cerboni (sempre gruppo maggioranza).

La mozione prevedeva l’agevolazione del suolo pubblico per l’anno 2022, composta da ulteriori riduzioni delle tariffe e/o agevolazioni sulle varie tipologie di occupazione. La mozione prevedeva altresì la riconferma delle disposizioni sugli ampliamenti gratuiti delle varie tipologie di occupazione, fino alla triplicazione degli spazi. Ed ancora, la riconferma delle agevolazioni per le occupazioni temporanee con pedane per tavoli e sedie e carrelli espositori .

Durante il consiglio lo stesso Cerboni avvalora la sua mozione dicendo: “…Non ha bisogno di copertura finanziara maggiore come quella che ha avuto negli ultimi 5 anni. Non comporta un centesimo in più rispetto al bilancio 2021” prosegue sempre Cerboni. Nonostante questo, la mozione è stata respinta per la “metodologia della presentazione” come ci fa sapere il neo Assessore al Bilancio, Rusconi.

«Come gruppo consigliare del Partito Democratico, sui meriti e sui buoni propositi, abbiamo deciso di votare A FAVORE della mozione Cerboni. Questo, non per “sguazzare” come riporta un articolo uscito ieri, sulla attuale diatriba interna alla maggioranza, cosa che a noi poco interessa, come poco deve interessare alla città di Grosseto che invece ieri ne ha pagato le conseguenze, ma perché come gruppo consigliare del Partito Democratico abbiamo a cuore il bene delle attività economiche presenti sul territorio ed è proprio in virtù di un bene comune, che abbiamo appoggiato ed auspicato che la mozione venisse accolta per fronteggiare un problema ancora più grande, rispetto alle appartenenze politiche e alle ripicche interne alla maggioranza.

Per noi non c’è colore politico quando si parla del bene della città e, ci dispiace invece aver appreso ieri dall’attuale maggioranza che a rimetterci sono proprio quelli ai quali in campagna elettorale lo stesso sindaco Vivarelli Colonna aveva promesso aiuti, chissà, magari proprio quelli che lo hanno votato, ieri si sono trovati una porta chiusa» termina il gruppo Consiliare Pd Grosseto.