Capalbio: Alcuni operatori economici in questi giorni hanno inoltrato per opportuna conoscenza all'attenzione dei
Gruppi Consiliari di minoranza (rappresentati da Marco Donati, Alessio Teodoli, Valerio Lanzillo, Alberto Pasquarelli) il testo di una lettera che stanno per inviare al Sindaco e all'Assessore esterno Chelini in relazione alla delicatissima situazione economica che sta affrontando a causa emergenza CVD-19 anche il tessuto produttivo e l'intera filiera turistico-ricettiva del nostro territorio.

Con questo breve comunicato i Gruppi di minoranza intendono esprimere la più completa vicinanza ai promotori, aderenti e a tutto il tessuto economico locale ben consapevoli delle difficoltà che stanno avendo sentendo anche nostre le preoccupazioni del fermo e dell'ancora mancato riavvio della filiera del settore turistico- ricettivo, della ristorazione, della balneazione. Non solo ma anche a tutto ciò che alla filiera è collegato in termini di posti di lavoro.

Preoccupazioni che già nelle settimane scorse sono state formalizzare attraverso una serie di proposte che abbiamo definito come "azioni utili alla ripartenza" che di tempo in tempo sono state avanzate all'Amministrazione Comunale.

"Le varie azioni - si legge nella nota - sono state presentate nei giorni passati dai nostri Gruppi non per ultimo durante l'approvazione del bilancio di previsione 2020.

Come più volte dichiarato siamo disponibili a collaborare in modo fattivo con l'Amministrazione comunale per superare insieme questo momento storico drammatico arrivando a sostenere un nuovo asset del bilancio comunale tenendo conto della straordinarietà del momento vissuto anche dalle nostre imprese, famiglie e associazioni.

Un momento non facile dove non giovano a nessuno le prove di forza laddove invece serve la massima condivisione di intenti. E come più volte ribadito in atti siamo pronti a fare la nostra parte sostenendo atti amministrativi che vadano proprio in questa direzione nel pieno convincimento che il bene comune e le sorti della economia locale come le azioni strategiche per la ripresa sono responsabilità di ognuno di noi che siamo chiamati ad esercitarla per il ruolo che i nostri cittadini/elettori ci hanno assegnato".