Giacomo Termine Sindaco.jpgAppello di Giacomo Termine, segretario provinciale PD Grosseto, a tutti i sindaci per concedere la cittadinanza onoraria alla senatrice Segre.

Grosseto: “Il nostro Paese, - dice  Giacomo Termine, segretario provinciale PD  - non può e non deve subire passivamente l’aggressione di chi crede nella violenza (verbale o fisica) come forma di relazione tra esseri umani. Una società civile e pacifica è basata sul rispetto tra i suoi cittadini, qualsiasi credo politico o religioso professino, qualsiasi colore abbia la loro pelle”. 

“Noi crediamo nella pace, - continua la nota -  nel valore della memoria, nel rispetto verso l’altro e respingiamo la visione di una società attraversata dall’odio. Noi dobbiamo difendendo questi valori, noi dobbiamo essere la scorta della senatrice Segre e vorrei che lo fossimo come comunità non solo come individui.

La responsabilità di questa situazione, del virus che dai banchi del Parlamento si espande nelle piazze e nelle strade d’Italia, negli stadi e nelle pagine internet, è di chi condividendo, sfruttando o anche semplicemente sottovalutando sta alimentando nostalgie di tempi oscuri segnati da intolleranza e violenza. Noi dobbiamo distinguerci per il modo in cui vogliamo vivere in Italia”. 

“Noi saremo, - prosegue Termine - dobbiamo essere la scorta di Liliana Segre e di tutti gli uomini e donne come lei.  Ci alziamo in piedi di fronte a chi testimonia gli orrori di Auschwitz, di chi con la sua stessa esistenza ammonisce e avverte  del rischio di un ritorno alla violenza come sistema di governo dei popoli.

Come segretario del Partito Democratico lancio un appello a tutti i miei colleghi sindaci: alziamo un muro di pace. Chiedo a tutti di presentare nei Consigli Comunali la cittadinanza onoraria per Liliana Segre”.

“Se una parte dei deputati non ha voluto votare e onorare in Parlamento una donna scampata all’olocausto, noi lo faremo nei nostri paesi, piccoli e grandi, tributandole onore e respingendo con forza e palesemente chi non è capace di guardare all’interesse generale di una nazione”, cosi termina la nota del segretario del Pd Grosseto.