leonardo marras.jpgGrosseto: “L'onorevole Ripani, evidentemente, si è ripresa dallo shock estivo del rischio di rientrare mestamente tra i banchi del consiglio comunale senza più l'impegno romano tanto che torna a scrivere qualcosa sulle vicende locali.

La sua distrazione da un dibattito che coinvolge il territorio da 30 anni, quello sulla gestione del patrimonio pubblico all'interno del Parco, è evidente e forse giustificata solo dalla sua inesperienza.

Ciò che sto facendo, però, non è un segreto: ci sono alcuni imprenditori locali che hanno sollevato questo tema antico con spunti di novità da ascoltare, ci sono alcune associazioni ambientaliste che lo hanno ripreso.

Ho solo fatto ciò che un rappresentante delle istituzioni deve fare, ossia ho organizzato un incontro con chi rappresenta sul territorio il mondo agricolo, ambientalista e i lavoratori per iniziare a discutere e capire se si possono migliorare le cose. Non ho presentato alcun emendamento e solo alla fine di un confronto che auspico più largo possibile, anche con il contributo della comunità del parco, deciderò se avanzare una proposta.

Qualsiasi strada sarà intrapresa non potrà in alcun modo recare danno all'occupazione diretta che i terreni regionali dentro al Parco oggi generano. Anzi, l'impegno di tutti deve tendere ad aumentare le attività e i livelli occupazionali della Tenuta di Alberese e tentare di migliorare lo stato attuale delle cose.

Il tema è davvero molto importante e ogni scelta deve essere ponderata con grande prudenza. Invito perciò tutti, compresa l'onorevole Ripani se ne è capace, a formulare proposte ma anche a evitare di alimentare allarmi sociali totalmente privi di fondamento”. Così Leonardo Marras, capogruppo PD Regione Toscana, commentando la nota dell’onorevole Ripani.