Giovanna Longo.jpgCasteldelpiano: ‘La mia squadra fa la differenza, un giusto equilibrio di competenza, attaccamento al territorio, passione, conoscenza e senso di responsabilità, un gruppo capace di guardare al futuro senza disperdere energie in sterili critiche, ma con la capacità di costruire, Ci premerà risanare le fratture che stanno dividendo il paese, perché la nostra possa essere una comunità unita e forte’.

A dichiararlo è Giovanna Longo che chiuderà la sua campagna elettorale nello stesso luogo in cui ha presentato la squadra: alle Logge di Palazzo Nerucci, nel cuore di Castel del Piano, Venerdì 24 dalle ore 18.

Tirando le fila di questa intensa campagna elettorale, la candidata sa che il punto di forza sta nella squadra che ha scelto  ‘perché –sostiene- le persone fanno al differenza, e vogliamo che Castel del Piano guardi avanti, che sia capace di aprirsi alle opportunità che esistono al di fuori dei confini locali, per sfruttarle a beneficio del nostro territorio.

Oggi –continua la candidata-, c’è sempre più bisogno, per crescere, di interlocutori istituzionali che non siano soltanto locali: penso alle aree vaste per quanto riguarda la sanità, ai circuiti turistici da cui non possiamo rimanere più tagliati fuori, alla questione geotermia dove tendo a ribadire la posizione di contrarietà all’insediamento di impianti geotermici nel comune di Castel del Piano, in linea col nostro programma e in accordo con gli abitanti di Montenero con i quali ho avuto modo di incontrarmi in più occasioni; a questo scopo abbiamo individuato come strumento utile una commissione consiliare di cui facciano parte consiglieri di maggioranza, minoranza e anche i comitati di Montenero d’Orcia, in modo da condividere le azioni e coordinarsi al meglio.

Manterremo il coordinamento con gli altri comuni limitrofi interessati come Seggiano e Cinigiano. Situazioni che non si risolvono con gli attacchi ma soltanto studiando dei percorsi, con obiettivi definiti.  Non siamo capaci di parlare per ‘slogan’ -sostiene la Longo-,  abbiamo sempre argomentato le nostre scelte, questo ha richiesto uno sforzo ulteriore, in un periodo storico in cui una frase d’effetto sembra avere più piglio di un concetto elaborato e condiviso, in questo sta la nostra piccola rivoluzione’.

‘La trasparenza è stato uno dei punti cardine –sostiene la Longo-, fin da subito abbiamo reso pubblica la composizione della squadra, dai consiglieri agli assessori esterni, abbiamo parlato chiaro –continua- su tutti i temi, anche sui più spigolosi: dal lavoro all'ambiente, dal turismo all'associazionismo e al Palio, il nostro programma ha cercato di trattare tutti gli argomenti più cari agli abitanti del nostro comune’.

‘Ascolto delle persone, raccolta dei suggerimenti ed elaborazione delle informazioni, così è nato il nostro programma –dichiara, soddisfatta, Giovanna Longo-, in due mesi intensi e gratificanti, nel percorso e nei risultati ottenuti. Un programma articolato –specifica la candidata-, cucito addosso alla popolazione di Castel del Piano dove, quello che manca, non sono le iniziative o le persone ma la capacità di mettere a sistema, sviluppare e supportare un complesso di attività che già esistono e a cui, sicuramente, se ne possono aggiungere delle altre.

Mettere a sistema significa per noi che tutte le attività e gli abitanti del territorio abbiano un contatto continuo e diretto con l’amministrazione che ne diventi perno e punto di riferimento a cui rivolgersi per trovare insieme le soluzioni adeguate’.

La Longo è soddisfatta del clima che si è creato all’interno della squadra ‘è stato collaborativo e questo ha consentito di elaborare un programma che tutti abbiamo condiviso. Ognuno ha fatto la sua parte –prosegue la candidata-, le competenze di ognuno si sono amalgamate a quelle degli altri. Sono convinta della bontà della mia scelta per la preparazione dei candidati in settori che vanno dal settore pubblico e privato, alla scuola e alla formazione, dall’imprenditoria al lavoro dipendente.

Le persone scelte –conclude-, sono preparate professionalmente e appassionate, ognuno dei consiglieri eletti avrà  una delega o un incarico specifico’.