Paolo Marcheschi.jpg“Approvata, all’unanimità, la proposta di Fratelli d’Italia per trovare una soluzione per censire la piaga sociale dell’abbuffata alcolica”

Firenze: “Il fenomeno purtroppo c’è e il Consiglio regionale finalmente si impegna a rilevarlo con numeri certi. Esprimo soddisfazione per l’approvazione unanime della mia proposta di trovare una soluzione per censire il fenomeno dell’“abbuffata alcolica” (binge drinking).

Sono infatti allarmanti i dati diffusi a livello nazionale e locale sul fenomeno dell’abuso di alcol, soprattutto tra i giovanissimi. Gli operatori del settore, affermano che la rilevazione del fenomeno è ampiamente sottostimato per i limiti dell’attuale sistema di raccolta dati.

Al momento quando un ubriaco arriva al Pronto Soccorso con la testa rotta viene refertato come trauma senza mai far riferimento all’intossicazione alcolica –spiega il Consigliere regionale Paolo Marcheschi (Fdi), che continua nel suo percorso verso l’alcol ticket- Già adesso più del 10% degli accessi ai Pronto Soccorso sono alcol-correlati, e provocano, in modo particolare, durante il fine settimana la congestione dei presidi sanitari. Oltre ad episodi di aggressione nei confronti del personale medico e infermieristico, nonché il distorto utilizzo delle ambulanze ed un aumento dei costi sanitari.

E’ necessario integrare l’attuale sistema regionale di raccolta dati, non uniforme tra i vari presidi sanitari, in modo da avere una lettura, quanto più realistica del fenomeno, e attuare così politiche regionali tali da contrastare la piaga sociale dell’abuso di alcol”.