Stampa
Categoria: OGGI PARLIAMO DI...
Visite: 583

baccetti.jpgRubrica settimanale di approfondimento culturale, storico, educazione civica, scuola e attualità.

di Simonetta Baccetti

Per  digital divide si intende il divario digitale   tra chi ha la possibilità di avere accesso a internet e chi no. Nell’era di internet, in cui tutto è collegato, e in un contesto storico in cui spesso ci si lamenta dell’uso distorto  di internet, può sembrare assurdo asserire che  c’è ancora  chi è escluso dal digitale. Si proprio così, a livello  sociale c’è chi  subisce  disuguaglianze  quando si parla di accedere e usare le tecnologie. Il digital divide  è caratterizzato  da  cause culturali,  economiche, ma non solo, l‘attenzione si sofferma non sulla semplice questione di accesso, ma sulla qualità delle modalità di accesso,  il divario digitale  si riferisce anche alle differenze che ci sono tra paesi più o meno sviluppati, a coloro che hanno insufficienti conoscenze informatiche, in taluni casi anche per le più basilari attività di internet.

computer privacy.jpgQuante volte in Italia affrontiamo il tema della connessione carente,  oggi più che mai  necessaria a consentire una corretta navigazione. Per questo che  il digital divide, viene sempre di più affiancato a  digital  inclusion,  e  per inclusione digitale si fa riferimento a  tutte quelle attività che assicurano a tutti l’accesso e l’utilizzo delle tecnologie, iniziando così a parlare di uguaglianza digitale. Di basilare importanza è creare per le future generazioni  una corretta  istruzione digitale, con l’obbiettivo di  far crescere i futuri  cittadini digitali educati. 

Gli esperti ci dicono di  considerare internet come un bene comune e che deve essere  garantito a  tutti  uguale accesso,  basti pensare agli  alunni che in questo contesto storico legato alla  pandemia non hanno potuto seguire la dad, per motivi legati alla mancanza di linea internet. Ogni Stato deve adoperarsi per garantire il diritto di accesso alla rete,  per l’accesso alle informazioni e alla partecipazione nei contesti comunicativi.

Ricordo la  “Dichiarazione dei diritti in Internet” del 2015,  documento composto da 14 articoli, elaborato dalla “Commissione per i diritti e i doveri relativi ad Internet”, che  affronta una serie di princìpi da affermare e promuovere all’interno del cyberspazio.

Parlare di questo argomento , non è cosa facile, molteplici sono gli aspetti  da affrontare e prendere in considerazione, che non trovano spazio in un articolo, ma che necessitano di attenzioni nelle sedi opportune. Ho voluto accendere i riflettori su un tema importante come quello del “ digital divide”, rimanendo ferma sulla necessità di creare un ambiente educato in internet, e di vivere un internet utile, senza dover parlare di dipendenza da internet.

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono gia' state impostate. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo, vedere le Informazioni sui Cookie.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information