alluvione-GR.jpegdi Massimo Ciani

55 anni fa in Maremma non si dormiva. E non per insonnia. Una pioggia "come le funi" insisténte e continua alimentava brutti pensieri. Eppure almeno in citta' nessuno pensava all'alluvione.

Il risveglio vide Grosseto trasformata in una sorta di Venezia con le strade diventate canali. Niente gondole. Qualche gommone e barchini isolati. Cielo plumbeo. Gente attonita a contemplare dalle finestre. Stava iniziando uno spettacolo tragico che ci avrebbe visto tutti protagonisti. Stava iniziando l'alluvione dei poveri.