milani raffaello.jpgdi Raffaello Milani

Alle volte l’incoerenza sia di alcune parti politiche che dei virologi, che del governo che delle semplici persone è davvero disarmante, ma ci sta visto il tourbillon di informazioni, mezze informazioni, notizie vere e fake-news non fanno altro che destabilizzare chi vuole informarsi o chi legge in generale.

Poi se mettiamo nel tutto il megafono social la pasta è davvero condita. Il bello di tutto questo è che ci sono comportamenti differenti in base agli eventi ad esempio, come leggevo un po’ di tempo fa per gli assembramenti al recente gay pride dove di persone assembrate ce n’erano moltissime ne più ne meno di quando la nostra nazionale ha vinto l’europeo di calcio. Da una parte molto ma molto sommessamente ed in maniera decisamente elusiva si sottolineava la presenza di pochissime mascherine e chi lo faceva notare veniva additato come contro le “libere manifestazioni della diversità di genere” quindi persona ostile, negativa, oltranzista e piegata al volere dei governanti, poi nella situazione assembrativa dell’11 Luglio scorso apriti cielo... In tantissimi a gridare alla catastrofe, a gridare all’incoscienza di chi era uscito in strada a gridare la propria gioia, praticamente un grandissimi branco di decerebrati, quasi assassini, che sarebbero dovuti stare chiusi in casa e se possibile anche ben scafandrati.

green pass covid.jpgPoi tutti in fremente attesa della risalita dei contagi e delle possibili chiusure per urlare il fantastico grido “io l’avevo detto…”. Ed ecco la soluzione a tutti i mali: il famigerato Green Pass che sarebbe il lasciapassare per poter fare il poco e l’assai da andare liberamente alla partita della propria squadra del cuore, al cinema, al teatro, sui mezzi pubblici, ai concerti, a fare viaggi, e non poteva assolutamente mancare l’ennesima stoccata verso chi, alla luce di tutto risulta additato come unico untore: il RISTORANTE. Si perché fondamentalmente il trait d’union, il minimo comune denominatore, tutto ciò che accumuna i provvedimenti emanati dai 3 governi succedutisi è il ristorante. Basterà avere questo tesserino digitale, questo badge, questo libretto rosso perché si spalanchino tutte le porte. Giusto che qualcosa ci sia, ovviamente, perché ormai fidarsi della parola delle persone, è, ahimè, impossibile ma questo “imporre” francamente a me quadra poco in primis perché ora questa forma di “bollatura” è scarsamente diffusa anche e soprattutto tra chi ha fatto tutte e due le vaccinazioni, quindi se entrasse in vigore questa indicazione formalmente ci “richiuderebbe” di nuovo a tutti.

Il Green Pass come ho detto per me è necessario e dovrà diventare formalmente impossibile non averlo se e quando tutti saremo vaccinati, se è vero che sarà possibile averlo anche previo tampone (fatto volontariamente con aggravio economico personale) ma farlo diventare OBBLIGATORIO mi riporta in dietro nel tempo quando per prendere il pane ci voleva il bollino sennò anziché il pane ti ciucciavi il calzino ma chissà perché oggi nessuno nota questa incongruenza mentre salta agli occhi ed orecchie se c’è anche il solo sentore di un commento contro l’argomento politically correct del momento. Dal mio punto di vista “imporre” una nuova, e studiata ad ok, limitazione del genere non farà altro che acuire l’ostilità verso ogni forma di vaccinazione, provocando l’effetto contrario. Considerando poi l’esperienza ed il successo che ha avuto l’app Immuni per la creazione e diffusione della quale sono stati spesi fior di soldi ed il flop è stato enormissimo ci dovremo aspettare altre lungaggini anche per la celerità di avere il Green Pass?

vaccino AstraZeneca (2).jpgVediamo ora cosa succederà la Prossima settimana!

Ammettiamo che abbia effetto la diffusione del green pass e ammettiamo per assurdo che a causa di un’altra variante si debba ricorrere ad una nuova somministrazione, avrà sempre effetto il green pass o ci sarà un nuovo blocco e ci vorrà il green pass 2.0? Sento alla tv che chi non lo accetta incondizionatamente viene additato come untore o come attento a non perdere voti provenienti da una parte tipo i NO-VAX , siamo arrivati a dei livelli di demenza senile che mi fa davvero ribrezzo specie se tali affermazioni vengono da onorevoli o senatori della repubblica.

Non è bastato tutto il putiferio avvenuto con le tipologie di vaccino ora si incartano anche sul Green Pass, vedremo di sicuro l’accentuarsi dei casi per giustificare anche questa restrizione giustificato dagli assembramenti post Europeo, non post gay pride ovviamente,  sarà necessario correre velocemente ai ripari. Sento che già 19 regioni sono sull’orlo del baratro di tornare in zona gialla, sarà un caso ma a pensar male alle volte ci s’azzecca, non sarà tutto un viatico per “punire” chi ha esultato alla parata di ‘Dollarumma’ ed è sceso in piazza poco dopo? Maledetta Nazionale è tutta colpa tua!!!!! 

Buona settimana e al prossimo evento, intanto aspetto i vostri commenti.