lamioni confartigianato.jpgIl presidente Lamioni: “Rischiamo di perdere il Made in Tuscany, secoli di tradizioni e saperi”

Firenze: Hanno riaperto anche le botteghe artigiane tra tanti interrogativi e con la consapevolezza che l’emergenza Coronavirus ha messo in discussione i mercati di riferimento del settore, soprattutto quelli legati all’export e al turismo.

L’appello di Artex, Centro per l'artigianato artistico e tradizionale della Toscana è rivolto ai consumatori locali più responsabili e attenti perché in questo particolare momento possano riscoprire il valore del Made in Tuscany e di un patrimonio culturale, di tradizioni e di tecniche tramandati da secoli che rendono unici i prodotti artigianali.

tessili.jpgL’appello è rilanciato anche attraverso la riproposizione del video di Lorenzo Baglioni, cantante, attore, e autore fiorentino “Compra Artigiano” (https://youtu.be/d1gIwcSusr4) che invita ad acquistare prodotti di qualità, legati al territorio e soprattutto unici. Il video è stato lanciato ma mai come oggi il suo messaggio deve tornare ad essere attuale per sostenere le attività dell'artigianato artistico come spiegato dallo stesso autore.

“Mai come in questo momento è importante privilegiare le eccellenze degli artigiani che sono vanto del nostro territorio - commenta Baglioni - E’ bene tenere sempre a mente la bontà di una scelta di questo genere sia per la qualità dei prodotti che andiamo ad acquistare sia per sostenere i piccoli imprenditori che ora fanno fatica a ripartire: si tratta di una scelta che indirettamente porta beneficio a tutta la comunità.

Mi fa piacere che si possa tornare a comunicare questo anche ai più giovani perché riescano a capire come sia molto più smart andare a comprare dai nostri artigiani che sono eccellenze nel mondo piuttosto che mettersi a fare anonimi acquisti sulle piattaforme online”.

Per Artex serve ora accendere i riflettori su un settore particolare dell’economia italiana che richiede attenzione. Dai dati elaborati in collaborazione con l’Irpet emerge che l’universo dell’artigianato artistico è costituito da circa 20mila imprese toscane, che nel loro complesso impiegano oltre 100mila addetti, tra dipendenti e indipendenti. Delle 20mila imprese, 1.300 circa (il 6%) hanno più di 15 addetti per il 94% si tratta di piccole e micro aziende molto diverse per dimensioni, organizzazione aziendale, tecniche produttive, stili ma anche per mercati di riferimento.

Il comparto del cuoio ha il numero maggiore di imprese (oltre 4 mila) e di addetti (oltre 30 mila), seguono il settore alimentare (con 2.800 imprese e 19 mila addetti) e quello dell’abbigliamento su misura (che impiega 9.600 persone in 2.400 imprese). Le imprese di questi tre comparti rappresentano la metà del totale delle imprese individuate. Ben rappresentati anche i settori della tessitura (9.300 addetti in 1.900 aziende), delle decorazioni (8.800 addetti in 2.200 imprese), delle lavorazioni dei metalli pregiati e delle pietre preziose (1.5oo imprese per 8.000 persone impiegate).

“Di fronte alla crisi causata dall’emergenza Coronavirus purtroppo si prevede la chiusura di un 30% delle imprese artigiane - spiega Gianni Lamioni, presidente di Artex, Centro per l'artigianato artistico e tradizionale della Toscana - La situazione è grave e merita di essere analizzata nello specifico perchè mai come questa volta rischiamo di perdere secoli di tradizioni e saperi”.

Il piano di aiuti alle piccole imprese è quanto mai urgente, come fondamentale per il mantenimento dei posti di lavoro è questa ripartenza dell’attività delle botteghe e dei laboratori. Una volta fatto questo passo è vitale per il comparto incentivare il mercato locale, un’occasione per far conoscere sempre più e meglio il valore dei prodotti dei nostri artigiani”.