DOC Maremma Toscana_Ph. credits Carlo BonazzaGiugnano vigne olivi (2).jpgParere favorevole a maggioranza in commissione Sviluppo economico e rurale, presieduta da Gianni Anselmi (Pd)

Firenze: Parere favorevole a maggioranza al bilancio economico di previsione 2020 e al piano di investimenti 2020-2022 di Ente terre regionali toscane.

L’atto ha ricevuto il sì del Partito democratico, il voto contrario di Lega e gruppo misto, l’astensione del M5S, questo pomeriggio, in commissione Sviluppo economico e rurale, presieduta da Gianni Anselmi (Pd).

Tra le competenze, l’Ente promuove il coordinamento e l’attuazione di interventi di gestione forestale sostenibile e di sviluppo dell'economia verde, gestisce la banca della terra e approva indirizzi operativi per gestire i beni del patrimonio agricolo-forestale. Tra le attività più rilevanti quelle legate all’agrobiodiversità, al trasferimento dell’innovazione in agricoltura tramite processi “Demofarms” come Suvignano e Alberese (finalizzati a mostrare alle aziende agricole l’applicazione sul campo di nuove tecnologie), alla gestione del parco stalloni di Pisa, della banca del germoplasma animale.M

alberese chiesa.jpgMe premessa, Marco Locatelli, direttore dell’Ente, nato dalla trasformazione dell’azienda agricola di Alberese, ha fatto presente che il bilancio previsionale 2020 non tiene conto delle ultime fasi emergenziali, se non per confermare che “l’agrobiodiversità anche in un periodo di crisi, di km zero forzato, ha dimostrato l’importanza delle produzioni locali”.

Locatelli è entrato nei numeri, parlando di un bilancio economico di previsione 2020 con un valore di produzione di 3milioni 386mila euro contro i 3milioni e 704 mila del 2019 e con costi di produzione di 3milioni e 229mila euro a fronte dei 3milioni 544 mila del 2019. Per il 2021 si prevede una produzione di 3miloni e 387mila euro con costi di 3milioni e 226mila e, infine, per il 2022 una produzione di 3milioni 394mila con costi di 3milioni e 232 mila euro.

Tra i motivi della diminuzione del valore di produzione ci sono l’aumento dei ricavi per prestazioni istituzionali di 62mila euro come conseguenza del piano colturale agrozootecnico con maggiori vendite di prodotti agricoli, in particolare per i cereali. In salita anche le entrate per prestazioni commerciali di 22mila euro come conseguenza dei ricavi dall’agriturismo dovuti alla prosecuzione dell’accordo con il portale Booking.com. Si prevede, poi un lieve incremento delle rimanenze di bovini legato ad un aumento delle nascite previste per il 2020.

Le risorse garantite dalla Regione Toscana per il funzionamento e per le spese a carattere istituzionale di Ente Terre per il 2020 ammonteranno ad un milione e 195mila euro, dei quali 500mila per le spese di funzionamento, 650mila per l’attività; 45mila per la gestione del parco stalloni. E poi ulteriori contributi specifici sempre dalla Regione Toscana per 76mila euro, dei quali 25mila da destinare al progetto Centomila Orti, 41mila a quello di Agricoltura di Precisione, 10mila per la certificazione dei formatori.
Nel corso del 2020 si avvieranno una serie di azioni a supporto per lo sviluppo dell’agricoltura di precisione nelle Tenute Agricole regionali e si ospiterà un’iniziativa di alta formazione con rilascio di certificazione dedicato ai formatori nell’ambito delle attività agricole.

Anche la voce costi per servizi e consulenze è prevista in crescita per 12mila euro rispetto al 2019 in seguito all’avvio di alcune progettualità nuove tra cui la valorizzazione della memoria storica delle attività agricole tradizionali e dell’antico mestiere del buttero presso il Granaio Lorenese nella Tenuta di Alberese per 20mila euro, l’istallazione di un sistema di dissuasori con tecnologia ad ultrasuoni per ridurre la predazione da lupo e un studio per proporre nuove forme di valorizzazione del Patrimonio Agricolo Forestale nell’area del Mugello. Il costo del personale risulta in diminuzione di circa 114mila euro.

Il direttore ha concluso ricordando che nel triennio “sono previsti 2milioni e 342 mila euro di investimenti dei quali un milione 700 mila euro nel 2020 in gran parte destinati alla tenuta di Suvignano con la realizzazione di strutture che permettano l’accoglienza di visite, sarà la strada della legalità”.