Stampa

allevamento ovino.jpgGrosseto: Al tavolo di settore, al quale sedevano Coldiretti e le altre rappresentanze oltre ai Consorzi di tutela del pecorino, l’Assessore Remaschi ha illustrato le decisioni assunte dalla Regione per il rilancio del comparto ovicaprino che attraversa un periodo di profonda di crisi per i continui attacchi dei predatori, l’aumento dei costi produzione, il prezzo del latte fermo da anni  e le recenti disdette dei contratti di fornitura di latte di alcuni caseifici.

La Regione Toscana raccogliendo le proposte venute dal mondo dei pastori ha destinato al settore attraverso una variazione alla legge di bilancio 2019 risorse vicine ai 2 milioni di euro.

“Siamo molto soddisfatti di questa scelta fatta dall’amministrazione regionale che con coraggio ha deciso di investire nel settore risorse proprie – afferma Paolo Giannini, direttore di Coldiretti Grosseto. Più volte Coldiretti si è fatta carico delle legittime istanze del mondo degli allevatori ovini portando sui tavoli istituzionali un pacchetto di proposte – continua – per dare vita ad un piano di rilancio del settore. Abbiamo trovato anche la piena disponibilità della presidenza della Regione. Adesso il Piano di rilancio prende sostanza, come da noi più volte auspicato, accogliendo molte nostre proposte ”.

Le risorse messe in campo dalla Regione verranno destinate al ristoro dei danni indiretti in conseguenza agli attacchi di predatori. In sostanza la perdita del latte prodotto. Preme sottolineare che il ristoro dei danni indiretti è riferito a due annate, il 2017 e 2018, così che le aziende agricole che hanno subito danni da predazione vedranno coperte tutte le spese e non solo una parte come avveniva adesso. Sono previsti anche contributi per lo smaltimento delle carcasse degli animali uccisi: cosa quanto mai onerosa. Saranno presenti anche misure rivolte agli investimenti in particolare per l’acquisto dei riproduttori e per il miglioramento dei pascoli. Di grande importanza è anche tutta la partita della promozione del latte ovino e dei sui derivati sui mercati nazionali ed internazionali in modo da accrescere la capacità di penetrazione di un prodotto di assoluta qualità.

“Bisogna lavorare affinchè questo piano di rilancio del settore – continua Giannini – venga attuato in tempi celeri per dare nuovo impulso alle numerose aziende che rischiano di cessare le attività, soprattutto nelle aree marginali. Abbiamo assolutamente condiviso il recupero di risorse destinate anche alla valorizzazione delle denominazioni di origine che potrà tendere a rafforzare la capacità di penetrazione sui mercati, non solo nazionali ma anche europei ed extra europei, delle produzioni sia di formaggi che di carne  provenienti dai nostri allevamenti. Abbiamo il dovere di tracciare traiettorie credibili di futuro per produttori che svolgono una funzione fondamentale sul piano economico e sociale, presidiando altresì territori il cui abbandono e degrado determinerebbe gravi rischi per l’assetto idro-geologico”.

 

Categoria: ECONOMIA & LAVORO
Visite: 361

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono gia' state impostate. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo, vedere le Informazioni sui Cookie.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information