Larderello: "Al Governo chiedo di fare presto. E per quanto lo faccia sarà sempre troppo tardi, visto che ci ha fatto perdere un anno, bloccando tutto, così come avevo detto proprio qui un anno fa. Ha bloccato sviluppo e occupazione impedendo che nuova ricchezza ricadesse su questi territori".

È questa l'opinione espressa dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi a Larderello, prima dell'inizio del Consiglio regionale straordinario aperto, dedicato alla geotermia.

"Ad Enel - ha aggiunto il presidente - chiedo invece di firmare con la Regione il Protocollo che abbiamo pronto da oltre un anno, per dare ulteriore impulso ad una geotermia sempre più tecnologicamente avanzata e rispettosa dell'ambiente. Permetterà di fare investimenti, interventi anche di carattere ambientale e di ripresentare la domanda per la realizzazione della nuova centrale di PC6 che permetterà anche di catturare la CO2, azzerando le emissioni gassose in atmosfera. Servirà anche un impegno più forte sul fronte lavorativo, facendo da attrattore in questa zona anche per altre imprese".

Enrico Rossi ha poi aggiunto che la legge della Regione Toscana sulla geotermia è stata presa a modello di riferimento e si è dunque augurato che nell'annunciato decreto Fer2, la geotermia sia nuovamente riconosciuta come energia rinnovabile e quindi incentivabile.

"Adesso - questa la conclusione che Rossi rivolge al Governo - siamo in attesa che dalle parole si passi ai fatti".