Ad assicurarlo è il presidente dell’Assemblea toscana Eugenio Giani.

Firenze: “Il Consiglio regionale straordinario sulla geotermia, inizialmente programmato per il 24 luglio, si terrà il 1° agosto a Larderello”, ha assicurato il presidente dell’Assemblea toscana Eugenio Giani, spiegando le motivazioni della convocazione.

“Credo opportuno che l’aula consiliare, per affrontare il tema della geotermia, si svolga proprio nei luoghi dove 115 anni fa, il 4 luglio 1904, il marchese Piero Ginori Conti, con i soffioni e una rudimentale dinamo, accese le prime cinque lampadine elettriche”. “La geotermia è fonte rinnovabile di assoluta importanza nel mondo e la Toscana ha il pregio, come prima regione – ha continuato Giani – di aver potuto sfruttare e valorizzare”. Da qui la necessità “di continuare a essere Regione che guarda al futuro, favorendo l’innovazione, la modernizzazione e un sempre più razionale uso degli impianti”.

Per il presidente del Consiglio “occorre un’occasione per una generale riflessione sullo sviluppo della geotermia, al di là del momento contingente che ha visto eliminare dal decreto Fer 1 (Fonti energie rinnovabili) i finanziamenti, pur oggi promessi nel Fer 2”. “Non deve più accadere che vi siano esitazioni sulla valenza strategica della geotermia – ha concluso Giani – per la produzione di energia elettrica che riduce sempre più la dipendenza dal petrolio”.