regione toscana consiglio.pngIn commissione Sanità parere favorevole espresso a maggioranza dopo l’audizione di questa mattina. Guideranno l’Asl Toscana centro e la Toscana nord ovest.

Firenze: Nomine dei direttori generali delle Asl toscane: la commissione Sanità, presieduta da Stefano Scaramelli (Pd), ha espresso parere favorevole sui nomi di Maria Letizia Casani, per la Asl Toscana nord ovest, e di Paolo Morello Marchese, che sarà confermato alla guida dell’Asl Toscana centro.

I due candidati indicati dal presidente della Giunta regionale, sentiti in audizione questa mattina, hanno presentato le linee generali dei programmi e i progetti, indicato i punti di forza e le criticità su cui intendono concentrare la loro azione.

“Si tratta di scelte che rispondono ai principi di competenza e continuità già confermati dal gradimento espresso nei territori e raccolgono le priorità socio sanitarie che andiamo ad affidare alle loro direzioni”, ha dichiarato il presidente Scaramelli. 

Maria Letizia Casani succede a Maria Teresa De Lauretis, e arriva alla direzione generale dopo una lunga esperienza ai vertici amministrativi della stessa Asl Toscana nord ovest, di Estar e, prima ancora, dell’azienda sanitaria di Pisa. Tra le azioni programmate per il prossimo triennio ha indicato tre punti principali: cronicità, reti ospedaliere e liste di attesa.

Paolo Morello Marchese viene confermato alla guida della Asl Toscana Centro, la più grande delle tre aziende territoriali definite dalla riforma. Maggiore integrazione dell’ospedale con il territorio, raggiungimento di un livello omogeneo tra le vecchie aziende sanitarie che tuttora, a cominciare dalla disponibilità di servizi territoriali, presentano differenti livelli di integrazione nel nuovo sistema; modifica dei rapporti con i privati in convenzione per liberare risorse e alleggerire le liste d’attesa; sensibile riduzione della spesa farmaceutica, per la quale sono già stati ottenuti significativi risultati. Queste alcune delle linee evidenziate in commissione. Da parte dei consiglieri, molte le domande e le valutazioni, anche in vista del prossimo confronto sulla programmazione regionale. 

La commissione ha espresso parere favorevole a maggioranza (Pd e Art.1-Mdp), con tre voti contrari (Lega, M5s e gruppo misto-Tpt) e un voto di astensione (Sì-Toscana a sinistra).