Regione_Toscana logo.jpg"Oltre 8milioni il totale delle risorse trasferite per il 2019".

Firenze: Via libera a maggioranza, nella seconda commissione, guidata da Gianni Anselmi (Pd), al Bilancio preventivo 2019 di Toscana promozione Turistica, illustrato nelle sue voci principali dal direttore, Francesco Palumbo. Si sono espressi a favore i commissari del Pd; astenuti M5S e Lega. 

Il valore della produzione è di 9milioni 868mila 786 euro: oltre 8milioni per attività promozionali, e 1milione e 500mila euro per personale e funzionamento.   

I ricavi per prestazioni di servizi fanno riferimento alle attività di promozione turistica che l’Agenzia realizza sulla base di quanto previsto dalla programmazione operativa (partecipazione a fiere, seminari, workshop, incoming), e sono pari a 350mila euro. I contributi dalla Regione Toscana derivano in parte da risorse proprie (1milione 855mila euro) e in parte dal Por Fesr 2014/2020 (2milioni e 769mila euro), per un totale di trasferimenti di 4milioni 534mila 390 euro.

L’attività promozionale è svolta anche con contributi riscontati degli anni precedenti, pari a 3milioni 475mila 253 euro, per un totale complessivo di oltre 8 milioni. Il costo del personale e di funzionamento dell’Agenzia ha un capitolo autonomo, ed è pari appunto a 1milione 500mila per il 2019.

Il funzionamento dell’Agenzia ha costi complessivi per 651mila euro (i 116mila 300 euro previsti principalmente dal canone di locazione della sede di Villa Fabbricotti a Firenze, sono destinati ad abbattersi per la riduzione del canone).

Palumbo ha fornito anche un primo piano su come si intendono utilizzare le risorse e su quali documenti si intende puntare l’azione. In primo piano Defr 2019 e Destinazione Toscana 2020, quindi due progetti: “Consolidamento della produttività e competitività” e promozione del life style toscano; e il progetto dedicato a turismo e commercio, che la Regione ha articolato attraverso il sistema dei 28 ambiti territoriali turistici.

Vari gli interventi dei commissari, che hanno formulato gli auguri di buon lavoro al direttore di recente nomina e ricordato la collaborazione con Alberto PeruzziniAntonio Mazzeo (Pd), presidente della commissione istituzionale per la ripresa economico-sociale della Toscana costiera, ha sottolineato l’importanza di “dare riposte concrete al turismo”. Mazzeo ha espresso l’opportunità di incontrare Palumbo in commissione costa per focalizzare l’attività sul 2019. Da Simone Bezzini (Pd) “l’attenzione alle città termali e per le situazioni di criticità in Toscana”, invocata anche con riferimento all’attenzione alle aree interne “con progettualità specifica”, così come voluto nel Prs. 

Luciana Bartolini (Lega) ha chiesto “aiuto per le Terme”, ricordando che “in Toscana abbiamo almeno 20 situazioni nelle quali occorre intervenire e fare qualcosa”. Dalla vicepresidente Irene Galletti (M5S) l’apprezzamento per l’attenzione alle aree fuori dalle grandi direttrici turistiche e per il termalismo, ma anche la richiesta di “formazione per il personale”: “per decenni il termalismo è stato un turismo sanitario – ha commentato – c’è necessità anche di riconvertire le strutture”.