Stampa

Con l’astensione dei gruppi di opposizione il Consiglio vara la legge che permetterà una verifica sulla capacità di assunzione in ogni singolo ente e sul reclutamento speciale, dopo il ricollocamento del personale in disponibilità.

Firenze: Con  il voto a favore e undici astensioni, il Consiglio regionale ha approvato le disposizioni sulla capacità di assunzione della Giunta e degli enti dipendenti e quelle sul reclutamento speciale, finalizzato al superamento del precariato.

E’ stato il presidente della commissione Affari istituzionali, Giacomo Bugliani (Pd), a illustrare l’atto, sottolineando che si interviene sull’articolo 22 bis del testo unico di organizzazione e ordinamento del personale per chiarire la portata della disposizione, che ripartisce fra i vari enti regionali la capacità di assunzione complessiva. In particolare si fa riferimento alla legge Finanziaria del 2007. Lo scopo è di garantire la sostenibilità della spesa da parte dei singoli enti, compresi quelli di piccole dimensioni, alla luce della normativa nazionale sulla riduzione delle spese per il personale. Vengono inoltre chiariti i requisiti dei soggetti che possono essere messi in ruolo a tempo indeterminato dalla Regione, dando assicurazione del preventivo espletamento delle procedure di ricollocazione del personale in disponibilità. Si onora in questo modo un impegno preso con il Governo per evitare un ricorso ala Corte costituzionale.

Su questo punto il presidente del gruppo Fratelli d’Italia, Paolo Marcheschi, ha sollevato obiezioni, perché, a suo giudizio, la Giunta regionale ha fatto un decreto, aperto un bando ed espletato un concorso, prendendo atto di una proposta di legge che ancora non è stata approvata.

L’assessore regionale alla Presidenza, Vittorio Bugli, ha precisato che non si tratta della legge in approvazione quella cui fa riferimento il decreto per formare le graduatorie ai fini della stabilizzazione, ma quella approvata nella seduta precedente.

Il capogruppo di Si-Toscana a sinistra, Tommaso Fattori, ha annunciato il voto a favore.

“Non ci piace questo modo frettoloso di procedere, che si ripete troppo spesso” ha osservato Marco Casucci (Lega Nord), che ha annunciato voto di astensione.

Categoria: DALLA REGIONE
Visite: 286

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono gia' state impostate. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo, vedere le Informazioni sui Cookie.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information