regione toscana.jpgApprovato anche un emendamento della consigliera Ilaria Bugetti per fissare al 31 ottobre 2018 il termine entro il quale la Giunta dovrà trasmettere il Piano regionale al Consiglio.

Firenze: Via libera unanime in commissione Ambiente del Consiglio regionale, guidata da Stefano Baccelli (Pd), alla proposta di legge che indica priorità di intervento e prevede criteri per la rimozione e lo smaltimento di materiali che comprendono amianto, illustrata lo scorso 6 settembre.

Il testo, di cui è prima firmataria la consigliera Ilaria Bugetti (Pd), punta anche a “stimolare la Giunta a presentare linee guida e anticipare i tempi per la redazione del Piano regionale che aspettiamo da tempo” ha commentato il presidente Baccelli.

“Intanto, abbiamo previsto una scadenza determinata per il Piano” ha detto riferendosi all’emendamento presentato da Bugetti su cui solo Sì – Toscana a sinistra ha dichiarato di non voler partecipare al voto. Il capogruppo Tommaso Fattori ha infatti spiegato, pur comprendendo “l’ottima intenzione”, che il ritardo di “quattro anni per la redazione del Piano è stupefacente”.
A spiegare l’emendamento poi approvato e che comporterà l’inserimento di un nuovo articolo nel testo di legge (art. 2bis), la stessa Bugetti: “Nel corso del dibattito sulla proposta era emersa la necessità di fissare una data cogente per la realizzazione di quella che è la mancanza più importante della legge 51, ovvero il Piano amianto”. “Abbiamo approfondito alcuni aspetti e – ha continuato – per dare un senso ancora più forte al testo, abbiamo ritenuto corretto inserire una data certa, anche se spostata di qualche mese rispetto a quella precedentemente ipotizzata in Aula”. Bugetti ha ricordato che il “notevole ritardo” è stato affrontato da tutte le forze politiche attraverso atti consiliari. “Riteniamo che con questo emendamento si arriverà a realizzare il Piano e cominciare un lavoro serio in tutta la nostra regione”. (f.cio)