Il testo, sottoscritto da tutti i capogruppo, impegna il presidente Rossi ad una comunicazione nella prossima seduta d’aula su azioni e risorse per l’emergenza e sullo stato di attuazione dei Piani di gestione del rischio alluvioni.

Firenze: L’aula ha approvato all’unanimità una mozione di sostegno alla città di Livorno colpita dagli eventi alluvionali del 9 e 10 settembre. L’atto, preannunciato ieri in apertura di seduta dal capogruppo del Pd, Leonardo Marras,

in attesa del rientro da Livorno del consigliere pd Francesco Gazzetti, è stato oggetto di impegno condiviso tra i capogruppo. Il nuovo testo, poi votato all’unanimità, è stato accompagnato dal ritiro di altre mozioni presentate all’aula.

La mozione approvata esprime cordoglio e sostegno alla città e agli abitanti di Livorno, tanto duramente colpiti. Chiede al presidente della Giunta regionale, Enrico Rossi una comunicazione da presentare la prossima seduta del Consiglio regionale su azioni e risorse finanziarie programmate, procedure di intervento per rispondere all’emergenza, e sullo stato di attuazione dei Piani di gestione del rischio alluvioni. La comunicazione dovrà contenere anche una valutazione complessiva sugli strumenti già in essere.

La mozione votata impegna quindi la Giunta a prevedere un “esame approfondito”, propedeutico a tutte le pianificazioni regionali, sulle ripercussioni che i cambiamenti climatici in corso e la gestione urbanistica del territorio possono avere per la sicurezza dei cittadini toscani.

La Giunta è vincolata a prevedere un’indagine per il controllo dei piani di sicurezza idraulica delle Autorità di Bacino e dei piani di protezione civile di tutti i comuni toscani. Tra gli impegni per il governo toscano anche quello di proseguire il lavoro avviato con la dichiarazione dello stato di emergenza regionale e con le prime risorse messe a disposizione, continuando a monitorare lo stato dei danni subiti da Livorno e dagli altri Comuni del territorio circostante “per mettere in campo tutte le possibili azioni di sostegno”. La mozione chiama infatti il governo regionale all’impegno per il riconoscimento dello stato di emergenza nazionale e perché si attivino provvedimenti straordinari con adeguate risorse finanziarie, tali da “rispondere immediatamente alle esigenze delle famiglie e delle imprese colpite”.

L’atto è stato illustrato dal consigliere Gazzetti. Sono poi intervenuti il capogruppo del M5S, Giacomo Ginnarelli; Tommaso Fattori (Sì Toscana a Sinistra); Monica Pecori, gruppo Misto; Serena Spinelli (Art.1 - Mdp); Claudio Borghi (Lega nord); Stefano Baccelli (Pd).