Grosseto libreria delle ragazze (2).JPGPensieri di donne sulle guerre del Novecento a cura di Luciana Rocchi Sabato 20 novembre 2021 ore 10,30 -12,30 - via Fanti 11/b Grosseto

Grosseto: Donne e uomini, siamo sotto assedio, perché il nostro è ancora un tempo di guerra. Conviviamo con vere guerre più o meno lontane, violenze su inermi, simili se non uguali a quelle che hanno conosciuto le popolazioni durante l’ultima guerra totale che ci ha direttamente coinvolto. Oggi vediamo vicino a noi un altro tipo di guerra, che si arma di muri e fili spinati e nuovi campi di concentramento, di tecnologia e barbarie. Una guerra davanti a cui ci sentiamo impotenti. E dove le donne sono colpite in maniera particolare, come lo sono le donne afghane.

Ma che cosa pensano le donne della guerra, loro che quasi sempre l’hanno subita? «È utile guardare dentro i fatti e i pensieri delle donne, sempre necessariamente testimoni, qualche volta anche protagoniste», propone la storica grossetana Luciana Rocchi, in un ciclo di cinque incontri alla Libreria delle Ragazze. «Leggere queste testimonianze è utile al presente, per riconoscere i luoghi dove ancora si coltiva una cultura della guerra e cercare modi per opporvisi».

Il primo incontro darà voce, oltre alle protagoniste come Rosa Luxemburg e Anna Maria Mozzoni, anche alle donne “comuni” che hanno vissuto la Prima guerra mondiale, che proprio in quella prima guerra totale hanno conosciuto un profondo cambiamento delle loro condizioni materiali, lavorando al posto degli uomini al fronte e battendosi per i diritti. Gli altri quattro incontri saranno dedicati a quattro scrittrici del Novecento come Virginia Woolf e Marguerite Duras, Natalia Ginzburg e Rada Ivekovic: nelle loro opere la guerra appare come esigenza di riflessione, come emozione, come rifiuto, come segno di protesta.

Luciana Rocchi, laureata in filosofia, insegnante e storica, è stata a lungo direttrice dell’Isgrec, l’Istituto storico grossetano della Resistenza e dell’età contemporanea.

I prossimi appuntamenti: 4 dicembre 2021: Virginia Woolf e il “calabrone nella mente”; 15 gennaio 2022: Marguerite Duras e “le emozioni difficili da dire”; 29 gennaio 2022:“Noi non possiamo mentire” : la guerra di Natalia Ginzburg; 19 febbraio 2022: Rada Ivekovic: una donna jugoslava nella catastrofe dei Balcani

Per prenotare inviare un messaggio whatsapp al 334 2095586 o chiamare in libreria: 0564 20601.