Domenica musica barocca nella Canonica medievale di San Niccolò.

Montieri: Prosegue la programmazione online dei video dal titolo” I Canti della Terra” che raccontano come coniugare la grande musica antica e barocca con il fascino di un territorio quello di Montieri nel Parco Nazionale delle Colline Metallifere in Provincia di Grosseto.

Questi filmati, che rappresentano altrettante performance musicali, tutti i giorni fino al 22 dicembre si possono vedere sui social media del Parco sempre dalle ore 12, sulla pagina Facebook: https://www.facebook.com/parcocm  e Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCEqnSBzQwkMbtBJXnZLSODQ?view_as=subscriber 

Si tratta dell’edizione digitale del Festival delle Viole di Gerfalco dedicato alla musica antica in particolare il primo festival italiano dedicato alla viola da gamba e agli strumenti musicali del repertorio barocco e rinascimentale. Un evento organizzato fin dal 2011 dal Comune di Montieri e prodotto da Ars Regia Ensemble, nell’antico borgo medievale di Gerfalco che ha visto nelle precedenti edizioni la partecipazione di musicisti venuti da varie parti del mondo molti dei quali affermati concertisti.

L’edizione 2020 a causa dell’emergenza sanitaria Covid-19 non si è potuta svolgere, per questo motivo è nata l’idea di creare una serie di eventi online dedicati a questo festival, il primo in Italia, dedicato alla viola da gamba. Dopo i primi due video, uno dedicato alla pieve di San Paolo e Michele di Montieri e l'altro girato sulla vetta delle Cornate, il terzo video che sarà diffuso domenica 20 dicembre è stato girato tra le rovine misteriose e suggestive della Canonica di San Niccolò a Montieri, un edificio religioso  risalente forse all’XI secolo. Tra i queste antiche mura immerse nel verde Cristiano Cei eseguirà il brano Prelude sol Majeur di Robert De Visèe ( 1650 – 1725) suonando la tiorba, uno strumento a corda barocco. Poi  il soprano Bianca Barsanti, Cristano Cei sempre alla tiorba  e Alessandro Pierini alla viola da gamba eseguiranno Pourquoy, doux rossignol di Jean-Baptiste de Bousset (1662 – 1725).