agresti luca.jpgSabato 15 febbraio alle ore 11 presso l’auditorium dell’ospedale Misericordia di Grosseto.

Grosseto: Un concerto che è un’assoluta novità per Grosseto e che offrirà ad un pubblico speciale – bambini da zero a 6 anni – la possibilità non solo di ascoltare musica, ma anche di viverla in prima persona.

E’ “Giro, giro tondo…. Giochi musicali in concerto”, lo spettacolo interattivo per la prima volta in Maremma, in programma sabato 15 febbraio alle 11 nell’auditorium dell’ospedale Misericordia.

Protagonisti saranno i Musicullanti, gruppo nato circa dieci anni fa nella scuola popolare di musica “Donna Olimpia” da un’idea di Paola Anselmi, presidente di Musica in culla, come ampliamento dell’offerta formativa di “Musica in Culla” (metodologia basata sul metodo Gordon) e composto da musicisti professionisti, specializzati in educazione musicale e di avviamento alla melodia per la prima infanzia, da 0 ai 6 anni. Obiettivo è offrire ai bambini l’opportunità di partecipare a concerti pensati proprio per loro.

Il concerto ad ingresso gratuito (occorre però prenotarsi presso Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) è organizzato dalla scuola di musica “Chelli”, una delle realtà educative della omonima fondazione della diocesi di Grosseto, e dal Comune con la preziosa collaborazione della cooperativa sociale Giocolare ed il patrocinio di Diocesi e Provincia.

“Il concerto – spiega Maria Grazia Bianchi, musicista e direttrice della scuola di musica Chelli – crediamo che rappresenti una bella opportunità per Grosseto. E’ la prima volta, infatti, che i Musicullanti approdano nella nostra città. Averli non è stato facile, perché hanno un’agenda fittissima di concerti in giro per l’Europa, proprio perché il loro modo di proporre la musica è originale, coinvolgente e fortemente educativo.

Siamo certi che Grosseto saprà cogliere il valore di questo momento culturale, che è frutto della collaborazione con il Comune, la cooperativa Giocolare e l’azienda Asl Toscana sud est, che ha messo a disposizione l’auditorium cogliendo il valore pedagogico di questa proposta. Abbiamo riservato dei posti per i bimbi della pediatria e proporremo anche una piccola raccolta di offerte libere all’ingresso. Quanto eventualmente raccolto andrà al reparto”.

“Massima attenzione da parte dell'Amministrazione comunale alle famiglie – spiega il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Agresti -: questo si traduce nel programmare, accogliere e appoggiare tutte quelle iniziative rivolte in particolare ai bambini. Questo a maggior ragione quando si uniscono più aspetti per noi preziosi, in questo caso andando a valorizzare la conoscenza della musica con una proposta di qualità e un'opportunità, non solo di divertimento, ma anche di crescita per i più piccoli ma anche per gli adulti. Un ringraziamento va a chi si fa promotore di questo tipo di eventi”.

“Come realtà che opera nel campo dell’educazione e che nella sua mission ha proprio la cura dell’infanzia, partecipare all’organizzazione di un evento come questo è davvero un’opportunità – commentano da Giocolare, la cooperativa che dal 2018 gestisce in appalto alcuni nidi e scuole dell’infanzia del Comune di Grosseto - La musica è un linguaggio universale e per i bambini un elemento naturale: offrire a loro e ai genitori un momento in cui sperimentare tutto questo è fondamentale per una crescita sempre più armonica dei più piccoli”.

La caratteristica principale dei concerti dei Musicullanti è l’interazione coi bambini, che i componenti del gruppo mettono in atto in un gioco tra musica, movimento, teatro, vocalità e strumenti d’arte (contrabbasso, sassofono, organetto, oltre a strumenti “veri” a percussione). I Musicullanti hanno, così, creato programmi differenti, dedicati alle fasce di età scolari e prescolari.

Ogni concerto è un viaggio tra Mozart e i Puffi, Tchaikovsky e la Pantera Rosa, tra canzoni tradizionali e infantili e musiche più classiche, tra jazz, blues, rock; tra musica popolare e musica colta di ogni stile e provenienza.

Il concerto che si terrà il 15 febbraio a Grosseto, sarà, dunque, tutto questo. Sarà un’esperienza interattiva, in cui la musica diventerà componente essenziale e gioco, grazie a girotondi, canzoni cumulative, clapgames, insieme a tarantelle e polke, melodie di popolari cartoons, jazz, classica, blues, arrangiamenti originali e rielaborazione dei più famosi giochi d’infanzia.
L’iniziativa è possibile anche grazie al contributo di Assicurazioni Generali; Clan della Musica; Birra Maremmana e gelateria artigianale Il pozzetto.

I musicisti:
Paola Anselmi, voce, flauto
Orfeo Martucci, voce, clarinetto, sax, organetto e flauto
Ines Melpa, voce e flauto
Emanuele Carradori, voce e percussioni
Ugo Valentini, voce, contrabbasso e flauto