Montascale Cassero grosseto.jpgIn scena due spettacoli ironici e provocatori: “120gr” e “Welcome to Italy” preceduti dalla performance dagli allievi della scuola Europa Danza diretta da Sarah Lewis.

Grosseto: Nel tempo che viviamo, il corpo può diventare invisibile, oppure troppo visibile: esposto, misurato, valutato, criticato, idealizzato, idolatrato, esaltato e censurato. Da questa riflessione nasce “120gr” di e con Sara Pischedda, lo spettacolo della Compagnia sarda ASMED che sabato 14 settembre andrà in scena a “Cassero in Danza” nel palcoscenico naturale del Cassero senese.

Uno spettacolo che ci interroga: “mettiti in posa - fai il tuo broncio sexy - scatta. I click e i flash della fotocamera del tuo telefono si confondono con i pensieri, in un continuo brusio di fondo che stordisce e ottunde la mente: è come un aspirapolvere acceso che inghiotte l’immagine che hai di te stesso. Vivi nell’incessante ricerca di conferme, l’imperativo è essere conforme allo standard” e poi ci chiede: “fino a che punto lasci che le parole che possono descrivere il tuo aspetto fisico definiscano anche la tua identità?”.

Cassero Grosseto.jpgUna provocazione a cui segue un’altra bella riflessione della Compagnia sarda che propone anche “Welcome to Italy” uno spettacolo di denuncia che vuole abbattere i falsi miti dei quali l’Italia si circonda. In maniera leggera e provocatoria, i performer esplorano tutto il marcio che questo bellissimo paese è stato costretto ad accollarsi con l’obiettivo di rivalutare l’arte made in Italy.

Questa volta il pensiero si concentra sulla visione che lo straniero ha del nostro Paese, sui luoghi comuni, sulle tradizioni, su quello che in qualche modo, nel bene o nel male, ci ha reso i più popolari, derisi ma anche apprezzati dal resto del mondo.

La performance nasce come un viaggio nel tempo e nello spazio in cui un ruolo fondamentale lo ha il pubblico che vivendo un susseguirsi di emozioni e di situazioni tipiche italiane, ne rivaluta l’importanza e la bellezza. Ironizzare sulla mafia, sulla politica diventa un mezzo, non scontato e prevedibile, di giungere alle grandi eccellenze patriottiche, alla tradizione letteraria, musicale, cinematografica, culturale.

Protagonista dell’esplorazione sarà anche l’ottima cucina di cui l’Italia può vantarsi. Aprirà la serata la performance dagli allievi della scuola Europa Danza diretta da Sarah Lewis. Domenica 15 settembre chiude la rassegna la Compagnia pisana Movimentoinactor che porta in scena “Quella Meraviglia di Alice”, uno spettacolo per bambini e particolarmente adatto alle famiglie (ore 17.30), prima del quale si esibiranno gli allievi della scuola di danza La Sesta Arte diretta da Claudia D’Aniello e la compagnia torinese Egri-Bianco con “Dance, Dance, Dance”, preceduta dagli allievi della Scuola Progetto Danza diretta da Barbara Botarelli.

CASSERO IN DANZA è il Festival internazionale di danza contemporanea diretto da Marcello Valassina e organizzato dal Consorzio Coreografi Danza d’Autore con il sostegno di Comune di Grosseto, Istituzioni Le Mura e Teatri di Grosseto. Primo degli eventi realizzati nell’ambito di  CODICE DANZA 58100, il nuovo progetto di residenza artistica per il triennio 2019-2021.

Tutti gli spettacoli sono alle 21.15 (escluso “Quella Meraviglia di Alice”che è previsto alle 17.30).

Ingresso 8 euro - Ridotto 6 (allievi di scuole di danza, bambini fino a 10 anni)

Abbonamento tre giornate 20 euro (escluso spettacolo“Quella Meraviglia di Alice”)