Santa Fiora: Il 6 Agosto in Piazza Garibaldi il meraviglioso spettacolo Sospensioni Sonore, prodotto da ResExtensa, realtà di danza e teatro nata in Puglia e sviluppatasi nel mondo per la sua capacità di creare poesie visive e sonore tra nuovo circo, danza contemporanea e tradizioni spettacolari religiose e pagane del mondo mediterraneo.

Uno specialissimo concerto-spettacolo nel quale l’evanescente poetica della musica del duo FAR LIBE si unisce alla magica danza a terra e in aria della compagnia RESEXTENSA.

Il duo FARLIBE di Giovanna Carone, voce, e Mirko Signorile, piano, crea un emozionante excursus tra musiche originali, brani della tradizione yiddish e brani ormai classici contemporanei – viaggio nel quale creature magnifiche s’incontrano tra cielo e terra, per danzare il sogno di ogni umano, tra amore, gioco e volo.

Da un’idea di Elisa Barucchieri e ResExtensa, un incontro tra musica e danza che diventa momento paritario: più di un concerto e più di uno spettacolo, SOSPENSIONI SONORE è un sogno da godere, dove le note hanno preso corpo e i corpi hanno creato musica.

RESEXTENSA
“La nostra danza è una danza fisica, emotiva; più volte descritta come femminile nella sua forza e nella sua delicatezza.

Ricerchiamo nella collaborazione con musicisti, artisti e registi la possibilità di arrivare al nucleo della spinta creativa, per presentare una danza che sia necessaria, importante da fare e donare. Una danza che doni una forte, fragile intimità.”

DUO FARLIBE
“Non siamo mai uguali, ma conserviamo l’equilibrio e il divertimento musicale fra noi, sempre.”  Questo è il duo FARLIBE, nato nel 2009.

Giovanna Carone – “Ognuno di noi ha portato il suo bagaglio-mondo di musica all’altro senza preclusioni e con grande curiosità e desiderio di gioco”.

Giovanna Carone e Mirko Signorile – “Un pianoforte e una voce hanno in sé un grande potenziale sonoro e se si riesce a comunicare l’intesa poetica e giocosa, l’amore per ciò che si esegue e si tutela l’equilibrio fra le parti, la musica vince sempre”.

Giovanna Carone & Mirko Signorile
Il duo composto da Giovanna Carone e Mirko Signorile nasce dal caso, lui jazzista, lei cantante barocca, si incontrano su un terreno altro, quello della canzone d’autore in lingua yiddish, ed in questo territorio straniero trovano una poetica ed un suono comune.

Il live è il loro luogo d’elezione, la musica yiddish è rivisitata in modo originale, non filologico.

I temperamenti solari, mediterranei e meditativi dei due dipingono di colori nuovi le musiche della straordinaria tradizione Ashkenazita, toccano anche quella Sefardita e si divertono attraverso musiche e testi originali ad inventare una nuova canzone d’autore in lingua Yiddish. Al loro attivo due cd: Betàm Soul e Far Libe.

Far Libe – Per Amore
è il secondo disco del duo composto da Giovanna Carone e Mirko Signorile. Pubblicato da Digressione Music con il sostegno di Puglia Sounds, prosegue nel percorso di rivitalizzazione della musica yiddish, ampliandolo ed estendendolo ad altre culture e sonorità.
Un disco ispirato al tema dell’amore, come si evince dallo stesso titolo: Far Libe (per amore).

Il brano che dà il nome al progetto, creato per il nostalgico valzer di Dmitri Kabalevsky e tratto dai Twenty-four Little Pieces, è un inno al potere salvifico dell'amore e della canzone yiddish, capace di sciogliere in gioia il dolore.

In Far Libe convivono sovrapposizioni di lingue e linguaggi cosmopoliti, sperimentazioni musicali e poetiche che spaziano in un orizzonte temporale che va dal medioevo spagnolo-sefardita al qui e all’oggi, con componimenti originali di Mirko Signorile su testi poetici contemporanei, come quelli scritti da Luca Basso. In questo disco Giovanna Carone e Mirko Signorile riescono a toccare le corde profonde della melodia ebraica e ad usare un linguaggio attuale e moderno. La canzone, come sentire popolare, viene accarezzata e rivista alla luce delle personalità dei due artisti. Due musicisti profondamente diversi per formazione e carattere che in questo percorso di riscoperta musicale hanno rivelato un’incredibile affinità artistica e poetica, in uno stile che va oltre il pop, il classico, il jazz e l’etnico.