grosseto carcere.JPGGrosseto: La UIL polizia penitenziaria, - dice una nota del sindacato - ha ricevuto notizia dell’insediamento del nuovo direttore della Casa Circondariale di Grosseto, la dott. Maria Teresa Iuliano con incarico definitivo, proveniente dalla sede centrale Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, con lunga e maturata esperienza in molti Istituti Penitenziari".

"Il Segretario Generale Regionale Uilpa Polizia Penitenziaria, Grieco Eluterio, nel dare il benvenuto al nuovo direttore ricorda che la partecipazione nei processi delle materie contrattuali, sono capisaldi nelle relazioni sindacali e crediamo che le posizioni condivise sui temi come la difesa dei valori democratici, il rispetto dei diritti dei lavoratori, ci debbano incoraggiare a ricercare
convergenze e ambiti di cooperazione per il bene comune.

Il Coordinatore Provinciale Francesco Sansone, per la Uil Polizia Penitenziaria e il Segretario Generale Territoriale Marco Mannelli, per la UIL pubblica amministrazione, danno il benvenuto al nuovo Dirigente IULIANO e sono certi che, il nuovo vertice saprà sostenere il lavoro abilmente compiuto dalla Polizia Penitenziaria nell’intento comune e con l’obiettivo istituzionale di perseguire legalità e sicurezza.

Allo stesso tempo, gli danno un grosso in bocca al lupo per l’attenzione alla nuova struttura penitenziaria, in prossima realizzazione presso l’ex caserma Barbetti, in un’ottica di gestione e riorganizzazione della detenzione in un quadro europeo, finalizzato alla rieducazione dei detenuti.

Infine, per Federico Capponi, segretario generale della confederazione Uil, il cambio di vertice è orientato a promuovere nuovi impulsi a sostegno di una squadra di lavoro già collaudata, che vede in particolare modo la Polizia Penitenziaria già da tempo fortemente impegnata in un duro lavoro teso ad assicurare l’ordine e la sicurezza dell’ istituto.

Ci auguriamo che collaborando insieme al sapere e all’esperienza del nuovo Direttore e del Dirigente Aggiunto Gabbrini Marco, Comandante della Polizia Penitenziaria, insediato anch’esso da qualche mese presso la Casa Circondariale, si realizzi un’eccellente realtà penitenziaria in  maremma, perché solo in squadra si riescono a risolvere al meglio tutte le difficoltà e il
conseguimento di obiettivi istituzionali. Buon lavoro e lunga permanenza presso la città di Grosseto", conclude la nota.