Io Sto' a Casa

coronavirus test.jpgDue nel Comune di Arcidosso e 1 nel Comune di Castell’Azzara. Pertanto il dato odierno sale a 19 totali.

Aggiornamento del 28 marzo 2020

Amiata: Sull'Amiata grossetana, Arcidosso, Castel del Piano, Castell’azzara, Cinigiano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano, Semproniano, si registrano 3 nuovi casi di persone positive al COVID-19.

DATI RIFERITI AL REPORT ASL AGGIORNATO ALLE ORE 24 DEL 24 MARZO

Due nel Comune di Arcidosso e 1 nel Comune di Castell’Azzara. Pertanto il dato odierno sale a 19 casi così distribuiti:

Arcidosso 9

Castel del Piano 6

Castell’Azzara 1

Santa Fiora 2

Seggiano 1

A Santa Fiora, le persone contagiate rimangono 2, entrambe in continuo miglioramento presso la propria abitazione. Le persone che erano state poste in isolamento domiciliare precauzionale per contatto stretto hanno tutte terminato il periodo di isolamento.

Lo screening di massa relativo al personale NON sanitario operante nell’Ospedale di Castel del Piano è tutt’ora in corso. Vi comunicheremo i risultati non appena ci giungeranno notizie ufficiali.

Come già accennato ieri la Protezione Civile dell’Unione dei Comuni amiatina ha acquistato 3500 metri di tessuto non tessuto per la realizzazione di mascherine da distribuire a tutti i cittadini dell’Amiata. Non appena i dispositivi saranno pronti, comunicheremo i tempi e le modalità della distribuzione.

La situazione in provincia di Grosseto è di 169 persone positive, 22 in più rispetto a ieri, 43 di queste ricoverate in ospedale, le altre 126 si trovano invece presso il proprio domicilio.

Torniamo a ripetere, che sulla linea del 113, sono giunte delle segnalazioni da parte di persone che hanno riferito essere state contattate da presunti operatori sanitari, i quali proporrebbero visite a domicilio finalizzate all’accertamento di eventuale contagio da COVID-19. La Questura di Grosseto informa la cittadinanza che tali iniziative sono finalizzate alla commissione di atti illeciti. Pertanto si raccomanda, soprattutto alle persone anziane, di non aprire a persone sconosciute, e di contattare immediatamente le Forze dell’Ordine in caso di situazioni sospette.

Il monito resta sempre quello di non abbassare la guardia e di continuare a rispettare le regole indicateci dal Governo, nella speranza che le ulteriori restrizioni possano produrre i risultati sperati.