E’ originaria di Piombino una delle prime laureate in Fashion Design di Istituto Modartech.
Hollywood, Bollywood e Cinecittà al centro di tesi di laurea e collezione di 6 outfit presentati in occasione della settimana della moda di Milano.

Firenze: Alice Audisio, classe 1995, una passione chiamata moda che comincia già da bambina, curiosando nell’armadio della madre, che prosegue con gli studi al liceo artistico Leon Battista Alberti di Piombino, fino alla laurea in Fashion Design, con una tesi intitolata “Handmade Dreams” e una collezione di sei outfit presentati alla Milano Fashion Week.

E’ originaria di Piombino una delle prime laureate nel corso triennale in Fashion Design dell’Istituto Modartech, Scuola di alta formazione con sede a Pontedera e collaborazioni attive nei principali distretti del made in Italy.

“Il percorso all’Istituto Modartech ha saputo definire i miei punti di forza, mi sono riscoperta capace soprattutto nelle materie creative, come Stile, Figurino, Illustrazione”, racconta Alice. “La passione per la moda è nata molto prima dell’inizio dei miei studi, ero solo una bambina. Un po’ la devo a mia madre: aprivo il suo grande armadio con emozione e curiosità. All’ultimo anno di liceo avevo già cominciato a disegnare da autodidatta abiti, basandomi sulle conoscenze acquisite durante le lezioni”.

Il progetto di tesi di Alice Audisio, “Handmade Dreams”, ripercorre la storia delle influenze reciproche tra moda e cinema, analizzando le dinamiche del loro inscindibile legame. Hollywood, Bollywood e Cinecittà: la ricerca si è immediatamente orientata verso un gioco di parole che fosse capace di richiamare contemporaneamente l’universo del cinema, fabbrica dei sogni per antonomasia, e quello del Made in Italy. L’oggetto di studio viene osservato in tre ambiti geografici e culturali diversi: USA, Italia e India, tre Paesi molto distanti tra loro ma accomunati da un’attenzione per la cultura della moda, per i tessuti e per lo spettacolo.

Heritage e artigianalità sono le parole chiave di una collezione sportswear dal sapore vintage caratterizzata da materiali tecnici e da ricami, stampe, materiali e calzature reinterpretati e personalizzati a mano artigianalmente.

“Nell’ambito del percorso di studi – racconta Alice – ho avuto modo di mettermi alla prova con uno stage nell’azienda Ciemmeci Fashion, del gruppo Florence, polo produttivo della moda di lusso rivolto ai grandi marchi internazionali. Un’esperienza che ha rafforzato la determinazione di proseguire nell’ambito creativo del fashion, per creare collezioni uniche, che spaziano dal mondo del cinema a quello dei brand del nostro territorio, all’interno di un ufficio stile o in aziende dietro al disegno e alla realizzazione di trend book”. Il sogno di Alice prosegue adesso nel mondo del lavoro.