di Giulia Lafavia - Sweet and Salty Corner

Grosseto: Li chiamano malfatti o ravioli senza sfoglia… ma per me sono gli gnudi maremmani!
Il nome “gnudi”, che letteralmente significa “nudi”,  deriva dal fatto che sono praticamente uguali al ripieno dei tortelli maremmani ma senza sfoglia intorno che dalle mie parti viene detta anche “cappotto”.
Sono un primo piatto della tradizione della mia zona e i condimenti classici che si utilizzano sono burro e salvia, salsa di pomodoro o ragù.


Sono uno dei miei primi piatti preferiti!
Eccoli gli gnudi maremmani.

Ingredienti (per 4 persone):
Per l'impasto:
    300 gr di ricotta
    300 gr di spinaci
    3 uova
    150 gr di formaggio parmigiano grattugiato
    noce moscata
    farina q.b.
    sale

Per il condimento:
    burro, salvia e parmigiano
    ragù di carne
    salsa di pomodoro

Per prima cosa ho lessato gli spinaci in poca acqua bollente leggermente salata, poi li ho strizzati bene e li ho tritati.
Una volta raffreddati li ho uniti alla ricotta e ho mescolato.
Ho aggiunto le uova, il parmigiano grattugiato, un pizzico di sale, la noce moscata e ho amalgamato bene il tutto.
L’impasto può essere preparato il giorno prima e lasciato riposare tutta la notte in frigo per facilitare l’operazione di formare gli gnudi.

Ho preso l’impasto a cucchiaiate e, con le mani, ho formato delle “palline” che poi ho rotolato nella farina.
Ho portato dell’acqua leggermente salata ad ebollizione e vi ho aggiungeto un cucchiaio d’olio (è un trucco per non far incollare gli gnudi uno con l’altro!).
Ho versato gli gnudi e quando questi vengono in superficie sono cotti.

Li ho scolati e li ho conditi con sugo di ragù e burro fuso, salvia.
Possono essere conditi anche con la salsa di pomodoro.
Potete farli anche utilizzando le bietole al posto degli spinaci o mescolando le due verdure a vostro gusto.
Completate il piatto con del parmigiano grattugiato e gustatevi gli gnudi maremmani!