Filippo Fordellone.jpgIl professore Filippo Fordellone, è il nuovo Segretario nazionale della Federazione Medici della SI.NA.LP (Confedarazione sindacale nazionale autonoma dei lavoratori e dei pensionati). Romano, classe '65, medico odontoiatra, già conosciuto in ambito sindacale per aver ricoperto medesimo ruolo.

Un curriculum di tutto rispetto, da oggi alla guida della sanità nazionale di SI. NA.LP. Professionista qualificato con consolidata esperienza professionale, nel corso degli anni si è distinto sulla scena nazionale per aver profuso grande impegno in ambito socio-sanitario, dando particolare attenzione ai temi della fragilità sanitaria e del sociale, prodigandosi molto, in svariate attività, a supporto del cittadino. Da sempre impegnato a tutela della professione medica e odontoiatrica, componente di varie commissioni presso Omceo Roma, presidente e fondatore di mutua “Pimos”, grande sostenitore di modelli di medicina sociale e consulente presso una nota azienda per quel che concerne il risk management in ambito sanitario. Una passione innata per la formazione, attualmente docente presso corso NAS “Ministero della salute, tutela della salute pubblica”.

Il neo Segretario, esprime grande soddisfazione e apprezzamento per la nomina ricevuta. “Continuerò - dichiara Fordellone - nel lavoro svolto in questi anni, cercando di coniugare la tutela della professione medica, con l'obiettivo primario di tutelare la salute del cittadino”.

L'idea del professor Fordellone è quella di dar vita ad un nuovo modo di fare sindacato, “essere strumento di raccordo tra medico e paziente, elemento filtro per le istituzioni, dunque saper raccogliere istanze ed esigenze, trasferendole nelle sedi opportune”, “ma soprattutto - dichiara il neo Segretario - “avviare quel cambiamento atteso e sperato, insomma per Fordellone non più sanità, ma semplicemente e doverosamente salute". Il fil rouge che delinea marcatamente il suo alto profilo è la passione per il lavoro e la qualificata professionalità, elementi cardine imprescindibili che contraddistinguono il suo alto spessore.

Filippo Fordellone.jpg