pisa.jpgOltre 15mila studenti attesi, più di 50 gli espositori e quasi 100 tra presentazioni, workshop, seminari e incontri: questi i numeri record del Salone toscano che si aprirà domani al Palazzo dei Congressi. Attesa al Salone la visita del viceministro all’Istruzione Anna Ascani.

Pisa: Cosa fare dopo le superiori? Quale percorso di studio è più adatto alle proprie aspirazioni e attitudini? Come prepararsi al meglio ai lavori che saranno più richiesti in futuro?

A tutte queste domande si tenterà di dare una risposta mercoledì 5 e giovedì 6 febbraio, dalle ore 8.30 alle ore 16.00, nella sede del Palazzo dei Congressi di Pisa dove torna l’appuntamento più atteso dagli studenti della Toscana: il Salone dello Studente Campus Orienta, la più grande manifestazione dedicata all’orientamento post diploma, che con le sue 15 tappe copre tutto il territorio italiano.

pisa.JPGDa oltre 20 anni in Toscana, il Salone, organizzato in collaborazione con l’Università di Pisa e con la partecipazione degli altri atenei della Regione (Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Siena, Università per stranieri di Siena e Scuola superiore Sant’Anna di Pisa), è ospitato per il secondo anno consecutivo a Pisa.

Al Salone 2020, sono attesi oltre 15 mila studenti provenienti delle scuole superiori toscane che, a supporto della difficile scelta su cosa fare dopo il diploma, troveranno tutto ciò che fa orientamento: più di 50 espositori con le proposte formative degli atenei del territorio, nazionali e internazionali, tradizionali e telematiche, e quasi 100 tra presentazioni, workshop e seminari dedicati alle prospettive di studio e professionali e incontri con gli psicologi dell’orientamento.

Domani mattina, per l’inaugurazione, è anche attesa al Salone la visita del viceministro all’Istruzione Anna Ascani.

Tre saranno i percorsi che i ragazzi potranno scegliere, a seconda delle proprie aspettative: accademico, per gli studenti che intendono proseguire il percorso di studi; esplorativo, per i ragazzi ancora indecisi sulla direzione da dare al proprio futuro; professionale, per coloro che invece hanno deciso di intraprendere la via del lavoro e vogliono scoprire quali sono i primi passi da muovere.

Tra le novità dell’edizione 2020, da segnalare le sessioni di simulazione del test di accesso alle facoltà di Area medica. Un’iniziativa questa, a cura dell’Università di Pisa, che viene incontro a una delle esigenze più sentite dagli studenti: ogni anno, infatti, al momento della scelta della facoltà universitaria, il test d’accesso a Medicina è quello che registra il numero più alto di iscrizioni (per il 2019/20 ben 60.776), ma è anche quello che miete più vittime (quasi il 30 per cento dei candidati quest’anno è risultato non idoneo) e il cui mancato successo determina una scelta di ripiego per tanti ragazzi che sognavano il camice bianco. Le simulazioni al Salone dello Studente saranno 6, tre per giornata, in Sala Pacinotti.

Altra grande novità della seconda edizione pisana del Salone, è il focus sulle professioni nel futuro dei ragazzi: quali sono gli sbocchi professionali, classici o innovativi, tradizionali o avveniristici delle diverse aree di studio? Una prospettiva ampia e completa la forniranno gli atenei toscani nell’ambito di workshop in programma in entrambe le giornate: l’Università degli Studi di Siena presenterà gli sbocchi occupazionali delle facoltà umanistiche, all’Università degli Studi di Firenze spetterà il focus sulle lauree scientifiche, all’Università per Stranieri di Siena l’ambito linguistico, mentre la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa chiarirà le prospettive dell’area rivolta alle Scienze sociali e sperimentali. (tutti gli incontri in Sala Fermi).

“Il Salone dello Studente rappresenta, per la nostra università, un evento importante che completa il quadro delle iniziative di orientamento messe in atto annualmente per avvicinare gli studenti delle scuole superiori agli studi universitari”, dice Rossano Massai, prorettore con delega all’orientamento dell’Università di Pisa che sarà presente domani alla cerimonia di apertura.

“L'obiettivo, ambizioso ma strategico per il nostro Paese, che condividiamo con Campus Orienta è quello di far percepire a un pubblico giovane sempre più ampio quali siano le opportunità di costruzione di un progetto di vita, professionale e personale, che può essere realizzato attraverso un'oculata e partecipata scelta di un percorso universitario”.

Ampio spazio sarà riservato all’orientamento di base: in programma al Salone i seminari in aula guidati dallo psicologo dell’orientamento Sergio Bettini, gli incontri, singoli o di gruppo, con un pool di counselor e i colloqui motivazionali a cura degli psicologi dell’Università di Pisa.

Come l’anno scorso, ci sarà uno spazio denominato Studiare in Toscana, che sarà interamente dedicato alle proposte formative del territorio, con tutti gli atenei della regione che si alterneranno nella presentazione dei propri corsi di laurea.

Al Salone saranno presenti anche gli ITS, gli Istituti tecnici superiori della Toscana: un percorso formativo, alternativo all’università, gestito a livello regionale, che si caratterizza per il profilo altamente professionalizzante, dall’energia alle nuove tecnologie della vita, dall’eccellenza agroalimentare al turismo, dal settore nautico alla moda.

Tra gli incontri in programma, da segnalare l’appuntamento “Il Servizio civile universale. Una scelta che cambia la vita. Tua e degli altri”, a cura del Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale sulle opportunità che può offrire l’esperienza di mettersi al servizio della comunità, e l’incontro “Web Reputation: istruzioni per l’uso”, in cui gli esperti di Class Academy metteranno in guardia i giovani sull’importanza di gestire la propria presenza sulla rete.

Università, studio, impegno, lavoro, ma anche vacanze e svago, aspetto complementare per la crescita dei giovani. Utravel, Corporate startup del Gruppo Alpitour che propone viaggi esclusivi per gli under 30, al Salone di Pisa (prima di una serie di presenze che comprenderà anche i Saloni di Pesaro e Milano) coinvolgerà i ragazzi in un game a livelli, che le varie squadre di studenti dovranno superare per completare il gioco e ricevere il premio in palio.

Il Salone dello Studente di Pisa, infine, pensa anche ai docenti ai quali saranno dedicati due incontri sul tema “Scuola e Università, verso un obiettivo di formazione condiviso”. Gli esperti parleranno dei progetti di orientamento POT (Piani di orientamento e tutorato) e PLS (Progetto Lauree scientifiche) e gli sviluppi CISIA (Consorzio interuniversitario Sistemi integrati per l’Accesso) dedicati alle scuole, finalizzati alla valutazione, da parte dei docenti e degli istituti, dei risultati della partecipazione ai test d’accesso degli studenti ai percorsi universitari.

Dove Palazzo dei Congressi, via Matteotti 1 – Pisa

Quando 5-6 febbraio 2020, 8.30-16.00 (due le sessioni di ingresso, la prima dalle 8.30 alle 11.30 e la seconda dalle 12.30 alle 15.30). Ingresso libero e gratuito per tutti.

La partecipazione al Salone è valida per l’accreditamento delle ore di PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento)