palazzo poste.jpgSpi: «Poste Italiane punta tutto sulla consegna dei pacchi, e sacrifica corrispondenza, bollette, fatture e pubblicazioni penalizzando l’utenza più debole. È l’ora di finirla e cambiare passo».

Grosseto: «Molti cittadini si sono rivolti a noi lamentandosi di dover subire disagi per ripetuti e continui disservizi di Poste Italiane. In particolare ci è stato evidenziato che si registrano numerosi e ripetuti ritardi nella consegna della corrispondenza ordinaria, che determina disagi e preoccupazione fra i cittadini per possibili conseguenze dei ritardi nel recapito di bollette, fatture, pagamenti, risultati degli esami clinici e quant’altro.

Stessa situazione, anzi anche peggio, per le mancata consegna delle pubblicazioni, compreso naturalmente il giornale dei pensionati Cgil “Libertà”.

sindacato spi cgil.jpg Mentre i pacchi sono consegnati a velocità incredibile, dimostrando nei fatti che Poste tratta in modo diverso gli utenti a seconda dei profitti che gli possono garantire».

A tutto questo si assommano disservizi registrati anche in alcuni altri territori, a partire dal Comune di Roccastrada.

Per questi motivi, i Comitati direttivi delle Leghe Spi-Cgil di Follonica-Scarlino e Grosseto hanno dato mandato alle segreterie delle Leghe e a quella provinciale di «incalzare la Direzione provinciale di Poste. Chiedendogli di affrontare e superare questi problemi, e di coinvolgere anche le Amministrazioni comunali rispetto alle mobilitazioni che risultassero necessarie».