Follonica.jpgApprovato dalla giunta comunale il protocollo d'intesa per la creazione di una rete  per l'economia civile e l'innovazione civica che vede come partner la regione Toscana, Anci Toscana e i comuni.

Follonica: Venerdì 13 settembre è stato approvato dalla giunta comunale il protocollo d'intesa per la creazione di una rete per l'economia civile e innovazione civica che vede partner la regione Toscana, Anci Toscana e i comuni.

"Si tratta di un documento importante - dichiara l'assessore barbara Catalani - perchè consolida il lalavoro fatto nella precedente amministrazione e che con la delga specifica che mi è stata data , trova ora una legittimazione. Il protocollo recita in apertura: chi amministra le comunità si trova davanti ad una gran de responsabilità: concretizzare modelli, anche di sviluppo, che partano dai bisogni, dalle istanze e dalle potenzialità della comunità territoriali e che siano integralmente sostenibili dal punto di vista economico, sociale e ambientale.

Questa premessa descrive l'impegno che la giunta Benini si è assunta con la comunità di riferimento e che prosegue parte del lavoro già svolto in passato in materia di scuola, di cultura e di ambiente".

"Quello che abbiamo vìcercato di costruire in questi anni di governo - prosegue l'assesore -  è stato sempre dettato dal principio di confronto con la città, a partire dalla scuola e dalla cutlura abbiamo cercato di costruire un modello di dialogo pro-attivo che costruisse i progetti assieme ai soggetti coinvolti e mai calandoli dall'alto".

" In questa direzione , infatti, il presecedente mandato si era cocnluso con il convegno Cultura, Comunità, Lavoro proprio con l'intento di interrogare il tessuto sociale territoriale e con questo promuovere modelli di sviluppo su base culturale".

"In sostanza - conclude Catalani -  il protocollo ha come obiettivi quelli di : promuovere lo sviluppo di una rete di Amministrazioni che stanno elaborando strategie in materia di innovazione civica, promuovere sperimentazione e competenze collettive su aree di lavoro che riguardano la città condivisa, il territorio collaborativo, l'impresa civile, il co-living e la formazione trasversale".

I momenti concreti di scambio di buone prassi in ambito di economia civile sono il Festival dell'Economia Civile di Campi Bisenzio e la Summer School promossa da Legambiente e Università di Siena.