fossombroni grosseto.JPGGrosseto: L’istituto statale di istruzione superiore V.Fossombroni conferma la sua vocazione all’internazionalità e allo studio delle lingue straniere, quali strumenti di efficace interlocuzione con lo scenario europeo ed extra-europeo. Essere cittadini europei consapevoli è indispensabile per poter costruire la propria vita, affrontando le difficoltà e sapendo cogliere le opportunità che essa offre.

In questa ottica il Liceo scientifico delle scienze applicate Fossombroni, ha rivolto il progetto Pon per il potenziamento della cittadinanza europea a 15 alunni delle classi terze e quarte, che stanno trascorrendo gratuitamente tre settimane a Edimburgo. Gli studenti alloggiano presso delle famiglie selezionate, svolgono un corso di inglese e attività Pcto a fianco degli esperti della formazione, in un prestigioso College della città scozzese. Prerequisito per la partecipazione al progetto è il possesso della certificazione B2 di inglese.

Oltre ai progetti di mobilità studentesca, agli stage linguistici all’estero e agli scambi culturali, l’Istituto ogni anno organizza numerosi corsi rivolti ai propri alunni che frequentano i diversi indirizzi di studio presenti al Fossombroni, allo scopo di prepararli al conseguimento delle certificazioni linguistiche. Nell’anno scolastico appena trascorso sono stati 174 gli iscritti agli esami per le certificazioni della lingua Inglese per i livelli A2, B1, B2, C1, e BEC, mentre 25 sono quelli per la lingua spagnola per i livelli B1, B2 e C1. Di pari passo continua la preparazione per la certificazione della lingua Russa.

Studiare una lingua straniera e soprattutto affrontare uno stage all’estero vuol dire confrontarsi con una cultura diversa, familiarizzare con strutture e meccanismi socio-culturali di altri Paesi, dialogare con altre culture e soggetti, farsi cioè un bagaglio interculturale. Tutto questo arricchisce e valorizza il percorso del Liceo scientifico scienze applicate Fossombroni che prevede nel curriculum il potenziamento della lingua Inglese nel biennio (5 ore settimanali cioè 2 ore in aggiunta alle 3 previste dal Miur) e lo studio di una seconda lingua straniera internazionale (a scelta russo, cinese, giapponese) o europea (a scelta tra francese, spagnolo e tedesco).