Grosseto: Per il diciassettesimo anno consecutivo, la Chiesa di Grosseto si mette in cammino, pellegrina, verso Maria.

Sabato 25 maggio, torna, infatti, il pellegrinaggio diocesano a piedi dalla chiesa parrocchiale di Marrucheti al Santuario Mariano diocesano di Campagnatico.

Un itinerario di circa 12 chilometri, fatto di preghiera, silenzio, canti, fatica, sudore, ma anche del dono della presenza gli uni degli altri. È il gesto con cui dal 2003 la Chiesa di Grosseto conclude il Mese Mariano, aperto dalle feste in onore della Madonna delle Grazie, copatrona della Diocesi.

L’organizzazione ricalca quella consolidata negli anni: ritrovo alle 16.30 alla chiesa di Marrucheti, dove, il Vescovo amministrerà il sacramento della Confermazione a sei ragazzi. Poi, dopo la benedizione sui pellegrini, inizierà il cammino a piedi, aperto dalla croce. L’arrivo a Campagnatico è previsto intorno alle 20. Qui i pellegrini saranno accolti e rifocillati dalla Pro Loco e alle 21, non nel Santuario (ancora chiuso per lavori), ma nella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista dove attualmente è esposta la venerata immagine della Madonna col Bambino, il Vescovo presiederà la Messa solenne, con l’atto di affidamento. La liturgia sarà animata, nel canto, dalla corale Puccini.

Nel corso del cammino saranno proposte meditazioni tratte dal tema della giornata mondiale di preghiera per le vocazioni 2019 “Come se vedessero l’invisibile”. Partendo da Maria, colei che, con l’incarnazione, ha mostrato l’invisibile all’umanità, saranno lette alcune testimonianze, intervallate dalla recita del Rosario.

La partecipazione è libera e spontanea e si potrà raggiungere Marrucheti o Campagnatico con i mezzi privati. Nel caso in cui l’auto venga lasciata a Campagnatico, sarà attiva una navetta per trasportare i pellegrini a Marrucheti.
Per il cammino consigliate scarpe comode, ombrello ed impermeabile.