filippi gheri.jpgPresentato a Firenze il Rapporto Symbola/Coldiretti

Firenze: Il Rapporto Coldiretti/Symbola 2018 è stato presentato oggi a Firenze con la presenza di Enrico Rossi, Presidente Giunta regionale Toscana, Alessia Bettini, Assessore Ambiente del Comune di Firenze, Ermete Realacci, Presidente Fondazione Symbola, Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Toscana, Massimo Castelli, coordinatore nazionale Anci  Piccoli Comuni e Veronica Barbati Delegata Nazionale Coldiretti Giovani Impresa.

“C’è un’Italia che sfida la crisi puntando sulla propria identità, un’Italia che fa l’Italia e che compete senza perdere la propria anima. Tradizioni, territorio, cultura, bellezza, innovazione e creatività sono le chiavi su cui scommettere per mantenere e rafforzare i primati internazionali che può vantare il nostro Paese.

assemblea.jpgLa spina dorsale di questi primati abita anche nei piccoli comuni”. Ermete Realacci, presidente di Symbola-Fondazione per le qualità italiane, promotore e primo firmatario della legge sui piccoli comuni approvata a larghissima maggioranza nel 2017, ricorda il valore dei questi borghi non solo per l’identità del Paese, ma anche per la sua competitività internazionale.

“Turismo, ovviamente: lì alberga un patrimonio naturale, culturale, paesaggistico ed artistico senza eguali, che attira un numero sempre crescente di turisti italiani e stranieri.

Ma anche produzioni di qualità, nell’artigianato e nella manifattura. In particolare in questi piccoli centri (come ricorda il report “Piccoli comuni e tipicità” di Coldiretti-Symbola) si produce il 92 per cento dei prodotti agroalimentari di origine protetta (Dop, e di Indicazione di origine protetta, Igp) e il 79 per cento dei vini italiani più pregiati”.

In Italia i piccoli comuni (aree pari o al di sotto dei 5 mila abitanti) sono 5.567 su un totale di 7.977 (al 30 giugno 2017): quasi due terzi del totale (69,7%), pari al 54,1% della superficie territoriale complessiva del Paese. Nella grande maggioranza dei casi (l’85,3% del totale) si tratta di realtà rurali a bassa urbanizzazione, e per più della metà dei casi (55,3%) di aree totalmente montane.

Nei piccoli comuni risiedono oltre 10 milioni di abitanti, pari al 16,5% della popolazione italiana. La densità abitativa è molto più bassa rispetto a quella dei grandi comuni (61 abitanti per kmq contro 365). Lì vivono all’incirca 2,4 milioni di anziani, ma anche 3,7 milioni di residenti nel pieno dell’età lavorativa (40-64 anni), quasi 1,3 milioni di ragazzi con meno di 15 anni e oltre 5 milioni di donne.

“Dalla valorizzazione dei tesori enogastronomici custoditi nei Piccoli Comuni dipendono molte delle opportunità di lavoro dei 3,9 milioni di giovani under 40 che hanno scelto di non abbandonare gli antichi borghi - ha affermato Veronica Barbati Delegata Nazionale Coldiretti Giovani Impresa nel sottolineare che “la legge sui piccoli comuni rappresenta il riconoscimento anche giuridico del valore economico, sociale ed ambientale di una Italia “minore” ma non per questo marginale”.

In Toscana i piccoli Comuni sono 119 su un totale di 273, pari al 43.6%, la loro superficie è di 8.860 kmq pari al 38,5% del totale e ospitano una popolazione di 283.313 abitanti pari al 7.6% di 3.736.968 residenti in Toscana. Delle 31 tipicità toscane, tra le quali prevalgono ortofrutticoli e cereali, 4 (Fagiolo di Sorana, Lardo di Colonnata, Mortadella di Prato e Zafferano di San Gimignano) sono esclusiva di grandi comuni. Le altre 27 produzioni tipiche coinvolgono sempre piccoli comuni e una, l’olio DOP di Seggiano, viene prodotta esclusivamente in otto piccoli comuni del grossetano (Arcidosso, Castel del Piano, Castell’Azzara, Cinigiano, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano e Semproniano).

“I Piccoli comuni – ha affermato il presidente di Coldiretti Toscana Fabrizio Filippi – non sono un peso ma una straordinaria opportunità per l’Italia: un’economia più a misura d’uomo che punta su comunità e territori, sull’intreccio fra tradizione e innovazione, fra vecchi e nuovi saperi.  Qui si producono la maggior parte delle nostre Dop e Igp e dei nostri vini più pregiati, insieme a tanta parte di quel made in Tuscany apprezzato a livello internazionale. Possiamo competere in un mondo globalizzato se innoviamo senza cancellare la nostra identità, se la Toscana fa la Toscana”.

Nell’ambito della convention fiorentina è stato anche firmato un protocollo d’intesa tra ANCI e COLDIRETTI Toscana . “Questo protocollo- ha evidenziato Antonio De Concilio, direttore di Coldiretti Toscana - è volto a realizzare sinergie in materia di politiche agricole e forestali in particolare per promuovere l'informazione e la formazione nel settore agricolo con attenzione ai giovani, attivare confronti in merito alle politiche urbanistico-paesaggistiche rispetto al settore agricolo, adottare strumenti e azioni che facilitino lo sviluppo delle ITC nelle zone rurali, progettare iniziative volte a valorizzare e promuovere la tradizione rurale, le sue tipicità e la filiera corta e favorire e sviluppare forme di collaborazione tra i Centri di Assistenza Agricola– CAA e i SUAP, anche secondo quanto previsto dalla DGR 1367 del 10.12 2018, per realizzare un virtuoso snellimento della burocrazia. Nei piccoli comuni – prosegue De Concilio – se vogliamo salvaguardare le attività agricole occorre contenere la presenza di predatori e ungulati presenti in modo tale da mettere a rischio l’equilibrio ambientale. Per questo occorre confermare la legge obiettivo applicandola in tutte le sue parti e ribadire l’importanza dell’approvazione Piano Lupo che attiverebbe risorse importanti per i territori. Facciamo appello ai sindaci – ha concluso De Concilio - affinché la pianificazione urbanistica non sottragga superficie alle aree rurali”.

La legge Realacci

La legge sui piccoli comuni – importante strumento per sfruttare tutte le opportunità che offrono i nostri territori puntando sulla qualità, sulla tradizione, sulla creatività e sull’innovazione – prevede una serie di semplificazioni e di misure per favorire il turismo di qualità, per la promozione dell’agroalimentare a filiera corta, ma anche la diffusione della banda larga: strumento essenziale per ampliare l’universo comunicativo e produttivo di territori ritenuti finora marginali, che nella contemporaneità ritrovano così una “prossimità” persa nel tempo. La legge investe anche sulla dotazione più razionale ed efficiente dei servizi (scuole, presidi sanitari, uffici postali ma anche piccoli esercizi commerciali), sulla manutenzione del territorio partendo dalla priorità riconosciuta alla tutela dell’ambiente, sulla messa in sicurezza di strade, scuole e del patrimonio edilizio pubblico, che va anche reso più efficiente dal punto di vista energetico. “La legge sul sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni – spiega ancora Realacci – offre uno strumento in più per far decollare i nostri molti talenti, grazie ai quali siamo una delle mete più ambite e uno dei produttori più apprezzati nel mondo. Un forziere aperto, nel quale troppo spesso non sappiamo attingere. È una ricchezza che si può moltiplicare, dal punto di vista produttivo ma anche grazie alla offerta culturale, paesaggistica, artistica e del buon vivere. La sfida è rilanciare un nuovo modello di economia più a misura d’uomo, che tiene insieme sviluppo e sfide tecnologiche, dignità delle persone, benessere e vitalità delle nostre comunità, anche di quelle più piccole, e che ci permette di continuare ad essere davvero il Paese della Grande bellezza”.