SeTu_Orlandi_Cover.jpegVenerdì 18 maggio, alle 18, presentazione del libro “Se tu potessi vedermi ora” (Mondadori) all'Abbriccico, lo spazio della cooperativa Uscita di Sicurezza in via del Terminillo a Grosseto. Dialoga con l'autrice la giornalista Cristina Rufini. L'evento, gratuito, è realizzato in collaborazione con il Mondadori Bookstore di Grosseto. 

Grosseto: La morte di David Rossi, manager della banca Monte dei Paschi di Siena è stata un suicidio o un omicidio? A cinque anni dalla tragica sera che ha sconvolto la vita di una comunità, la figlia Carolina Orlandi racconta la “sua” versione dei fatti, in un libro che affianca alle prove raccolte e agli atti giudiziaria, riflessioni ed episodi intimi e familiari.

“Se tu potessi vedermi ora” è il titolo del memoir edito da Mondadori che sarà presentato venerdì 18 maggio, alle 18, all'Abbriccico, lo spazio polifunzionale della cooperativa Uscita di Sicurezza. A dialogare con l'autrice sarà la giornalista Cristina Rufini, della Nazione di Grosseto. 

“Se tu potessi vedermi ora” ripercorre i giorni immediatamente precedenti alla sera del marzo 2013, quando David Rossi, responsabile dell'area comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, precipita dalla finestra del suo ufficio. Sono in giorni in cui lo scandalo ha travolto la banca senese e Rossi, manager affermato, è stato un dei collaboratori più vicini all'ex presidente della banca, Giuseppe Mussari. 

Con precisione Carolina Orlandi ricostruisce i possibili scenari a partire dalle prove raccolte dagli inquirenti. Con trasporto ed emozione ricorda quei giorni dal suo punto di vista: quello di una figlia acquisita – Rossi era il compagno della mamma, con cui Carolina ha vissuto – che assiste a un evento che non riesce a spiegarsi ed accettare e che decide di essere forte per sé, per la madre e per la riceca della verità.

Del “caso” David Rossi si sono occupati, alternando momenti di grande interesse ad altri di silenzio, i media italiani. “Se tu potessi vedermi ora” mette in luce contraddizioni, dettagli inspiegabili, reticenze, leggerezze, omissioni. Elementi da spiegare, per i quali lei e la madre si battono da anni con grande coraggio. Lo stesso che traspare dalle pagine di questo libro. 

L'evento, organizzato in collaborazione con il Mondadori Bookstore di Grosseto, è a ingresso libero e gratuito. L'Abbriccico si trova a Grosseto, in via del Terminillo 31.

 

L'autrice, Carolina Orlandi.

Carolina Orlandi (Siena, 1992) ha studiato comunicazione e giornalismo, prima all'Università di Siena, poi alla Scuola Holden di Torino. Appassionata di viaggi e reportage, oggi è impegnata nella narrazione scritta e audiovisiva intorno alle vittime di giustizia e alle loro storie. Se tu potessi vedermi ora è il suo esordio letterario.

 

Cosa è L'Abbriccico.

L'Abbriccico è la nuova sfida della cooperativa Uscita di Sicurezza: uno spazio di 400 metri quadri dove trovano casa il laboratorio SottoSopra, un servizio di attività manuale per alcuni utenti della Salute mentale della Asl Toscana sud est, i progetti di riciclo e recupero, uno spazio espositivo dove è possibile acquistare gli oggetti realizzati al SottoSopra o mobili e oggettistica rigenerati e, da sabato, anche un punto di incontro e dibattito. L'idea, infatti, è quella di favorire all'Abbriccico momenti di scambio e condivisione, dove si possa parlare di progetti, libri, arte e molto altro con la consapevolezza che non si possono rigenerare solo i beni materiali, ma anche le menti.

LibroOrlandiCover.jpg