Eletto il nuovo presidente Tatjana Jevtic e il copresidente Erminia Graziani. L’associazione Anolf è stata ricostituita grazie alla collaborazione della Fai Cisl di Grosseto.
Lo sportello informativo è a disposizione nella sede della Cisl Grosseto il mercoledì e il giovedì.

Grosseto: Si è ricostituita a Grosseto, grazie alla collaborazione della Fai Cisl, l’associazione Anolf per garantire una maggiore tutela dei lavoratori immigrati in provincia di Grosseto.

L’assemblea, che ha di fatto rieletto i suoi organismi, tra i quali presidente, copresidente e direttivo, si è riunita alla presenza di Mohamed Saady, presidente nazionale Anolf, Antonio Cerqua, presidente regionale Anolf, e del segretario generale della Cisl Grosseto Fabrizio Milani. Il nuovo presidente dell’Anolf Grosseto è Tatjana Jevtic, mentre il copresidente è Erminia Graziani.

“Siamo felici di poterci mettere nuovamente a disposizione sul territorio grossetano – ha spiegato Tatjana Jevtic, presidente Anolf Grosseto – per rispondere alla necessità degli immigrati e dei loro familiari riguardo a pratiche impegnative quali permesso di soggiorno, cittadinanza o ricongiungimento. Ringrazio la Fai Cisl Grosseto, e in particolare la responsabile Antonella Biondi, per il supporto e per la grande sinergia che ci ha permesso di essere di nuovo operativi per garantire più tutela e rappresentanza ai lavoratori impegnati nella nostra provincia”.

“Grazie al protocollo sottoscritto tra Fai Cisl nazionale e Anolf nazionale – ha spiegato Antonella Biondi, responsabile Fai Cisl Grosseto - possiamo mettere in campo una maggiore sinergia tra le due federazioni per garantire una maggiore tutela ai lavoratori migranti”.

L’Anolf è un’associazione di immigrati di varie etnie a carattere volontario, promossa dalla Cisl, che ha come scopo la crescita dell’amicizia e della fratellanza tra i popoli.

Per informazioni è possibile rivolgersi all’ufficio Anolf, nella sede della Cisl Grosseto in via Senegal 25, il mercoledì dalle 9,00 alle 13,00 e il giovedì dalle 15,00 alle 18,30, oppure chiamare i numeri: 0564/422331 o 0564/422315.