Stampa

Mostra sulle 14 formelle della Via Crucis di Antonio Lazari in cui la sofferenza dei figli dell’uomo contempla la croce del Figlio di Dio. L’iniziativa è frutto della collaborazione tra la parrocchia e l’associazione La Farfalla-cure palliative.
10 marzo - 15 aprile 2018, chiostro del convento di San Francesco a Grosseto.

Grosseto: Una mostra pensata come un itinerario di riflessione in cui la sofferenza dei figli dell’uomo contempla la croce del Figlio di Dio.
E’ la mostra “Stabat Mater” sulle 14 formelle della Via Crucis, opera dell’artista Antonio Lazari, che si trovano nella chiesa di San Francesco, a Grosseto, e che verranno esposte nel chiostro del convento dei Frati Minori col desiderio di lasciare che lo sguardo si posi su quelle scene e sappia contemplarle.

L’iniziativa, promossa dalla parrocchia francescana nel centro storico di Grosseto, sarà inaugurata sabato 10 marzo, per accompagnare i visitatori lungo il tratto di quaresima che ancora resta da vivere, per poi entrare nel tempo di Pasqua. Il taglio del nastro avrà luogo subito dopo la Messa solenne delle 18 e sarà arricchito dall’esecuzione di brani di musica sacra a cura dell’ensemble polificono “G.P. da Palestrina”.
La mostra è stata concepita collocando le formelle della Via crucis ad altezza d’uomo, così da restituire alla vista particolari e suggestioni che l’artista ha voluto trasmettere, ma che a quattro metri di altezza è difficile cogliere. "Attraverso le 14 formelle – spiega il parroco, p. Paolo Fantaccini – si sviluppa un percorso dove la sofferenza dei figli dell’uomo contempla la croce del Figlio di Dio".

Ma c’è dell’altro. In questa iniziativa la parrocchia non è sola; ha intrecciato un’alleanza con La Farfalla-associazione cure palliative. "La Via Crucis di Lazari e la Farfalla, associazione cure palliative, sono la bellezza e la ricchezza che vogliamo far riscoprire alla città – spiega ancora il parroco – come doni già presenti e operanti sul territorio. Aver voluto dare loro voce è la nostra missione. Missione che quest’anno non si rivolge a terre e paesi lontani, ma qui vicino, in mezzo a noi, dove la lontananza, i ‘chilometri’ di distanza, possono essere solo il distacco che si produce con l’indifferenza del nostro cuore".
L’intento dell’iniziativa – che non è semplicemente una mostra, ma un percorso interiore – è dunque quello di recuperare il dialogo con la fragilità umana, rappresentata dalla malattia fisica. Ad ogni formella, che ferma nel tempo un momento della Via Crucis, verrà associato un titolo "forte", col quale rileggere, nella sofferenza di Cristo, le sofferenze dell’uomo. Così, ad esempio, la figura di Simone di Cirene diventa "La croce altrui (chiamati a condividere senza volerlo)"; la Veronica diventa "Il dolore che lascia il segno (il volto e l’immagine)"; Gesù che cade sotto il peso della croce diventa "Consapevole di non farcela (l’esperienza dell’insufficienza di sé)", fino alla XII stazione, Gesù che muore, che apre alla riflessione sul mistero dell’anima e il suo percorso e alla resurrezione (XIV stazione), che diventa "Il sigillo che rivela (cosa si chiude, cosa si apre)".

Accanto ad ogni formella passi biblici e bellissime meditazioni tratte dai diari di alcuni pazienti de La Farfalla.
"Questo percorso è una possibilità di riflettere su un aspetto dell’esistenza sempre più relegato ai margini della cultura competitiva in cui viviamo – commenta p. Paolo –. Al progresso tecnologico e scientifico non sempre è corrisposta altrettanta crescita e vicinanza alla persona. Stiamo arrestando la capacità di compassione, di vicinanza all’altro che soffre e, forse senza rendercene conto, questo cattivo insegnamento lo stiamo trasmettendo alle nuove generazioni. Per noi cristiani la Via Crucis è il luogo in cui Dio parla nel silenzio: quel silenzio della finitudine umana, che è diventata per amore la sua finitudine! Egli è il Dio compassionato, il Dio per noi, che si dona fino al punto di uscire da sé nell’alienazione della morte, per accoglierci pienamente in sé nella donazione della vita. Dio non è impassibile: soffre per amore nostro. Ecco perché dobbiamo difendere una cultura dell’attenzione al malato terminale, alla qualità della vita sua e dei suoi cari: mai più soli".

La mostra sarà aperta tutti i giorni fino al 15 aprile, quando alle 18 si terrà la cerimonia di chiusura con la celebrazione della Messa. Dal 12 marzo al 14 aprile, inoltre, per chi lo desidera sarà possibile prenotare, presso la parrocchia di San Francesco (telefono 0564 22282) visite guidate gratuite.

Categoria: ATTUALITÀ
Visite: 339

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie utilizzati per il funzionamento essenziale di questo sito sono gia' state impostate. Per saperne di pi sui cookie che utilizziamo, vedere le Informazioni sui Cookie.

  Accetto i cookie da questo sito.
EU Cookie Directive Module Information