Isola d'Elba: Il 30 gennaio scorso è stato approvato nel Consiglio Direttivo del Parco Nazionale Arcipelago Toscano il Protocollo d’intesa tra l’Associazione Marevivo e l’Ente Parco per il progetto “delfini guardiani”.  Un progetto di educazione ambientale dedicato al mare a cui il Parco Nazionale aderisce mettendo a disposizione i servizi guida per 25 giornate di attività nel suo territorio.

diaccia.jpgSusanna Lorenzini: «L’Amministrazione comunale intende incrementare la valorizzazione di questa zona, organizzandoci eventi di richiamo per il pubblico che ha già gradito nel recente passato le iniziative svolte nella location».

Castiglione della Pescaia: Era il 2 febbraio 1971 quando fu siglata la convenzione di Ramsar, e da allora in questa data è diventata la “Giornata mondiale delle aree umide”.

amiata.jpgUn nuovo intervento del movimento Geotermia Sì
Amiata: Il movimento Geotermia Sì torna all’attacco contro i tagli agli incentivi proposti dal Governo e invita i cittadini a unirsi alla mobilitazione di sindaci, imprese e lavoratori, per difendere l’occupazione sull’Amiata, ma anche la cultura e i servizi erogati dai Comuni geotermici grazie agli incentivi.

larderello-geotermia-energia.jpgLatto è stato approvato a maggioranza, con il voto favorevole di Pd e Art. 1-Mdp, il no di M5S, di Sì-Toscana a Sinistra e Gruppo Misto-Tpt, lastensione degli altri gruppi di opposizione. Respinta una proposta di legge a firma M5S

Firenze: Dopo un lungo dibattito, il Consiglio regionale ha approvato la proposta di legge “Disposizioni in materia di geotermia”. Il via libera è stato dato a maggioranza: hanno votato a favore i gruppi Pd e Art.1-Mdp, hanno votato contro Movimento 5 Stelle, Sì-Toscana a Sinistra e Gruppo misto-Tpt, mentre gli altri gruppi di opposizione si sono astenuti.

fonteblanda spiaggia Bengodi con torre di Talamonaccio.JPGFirenze: Durante la comunicazione della giunta sull’erosione costiera in Toscana è stato approvato un ordine del giorno di Sì Toscana a Sinistra a favore degli ecodragaggi e per promuovere un sistema circolare che garantisca i ripascimenti dei litorali.

spiaggia.jpegL’intervento dell’assessore regionale Cristina Grieco. Obiettivi primari dell’azione regionale il recupero e il riequilibrio della fascia costiera. Gli interventi attuati dalla Regione

Firenze: È stato l’assessore regionale Cristina Grieco a fare il punto in Aula, nel pomeriggio di ieri 29 gennaio, sull’erosione costiera in Toscana e sul corpo di azioni – di monitoraggio, programmazione e interventi – che la Regione mette in campo.

Dopo un iter partecipativo molto impegnativo il Parco della Maremma si è candidato per la CETS, la certificazione di Europarc Federation per il turismo sostenibile.

Alberese: È stato approvato ieri dal Consiglio Direttivo il Documento strategico e le azioni con cui l’Ente Parco Regionale della Maremma ha avviato la propria candidatura per il riconoscimento della Carta Europea per il Turismo Sostenibile – CETS - certificazione rilasciata da EUROPARC Federation, rappresentata in Italia da Federparchi.

di Fiammetta Dini

Firenze: Nel 2018 i parametri critici per la Toscana rispetto ai limiti della normativa vigente sono il PM10 nella Piana lucchese, il Biossido di azoto nell’Agglomerato fiorentino e l’Ozono praticamente in tutta la regione.

In Toscana, anche nel 2018 permangono alcune criticità relative agli inquinanti Particolato PM10, Biossido di Azoto e Ozono. Sono riportate di seguito le elaborazioni degli indicatori di questi inquinanti, confrontati con i valore limite definiti dalla normativa vigente.

triana roccalbegna.JPGRoccalbegna: “Se è vero, dice  Giuseppe Conti, capogruppo PD in consiglio comunale - che le sole attività di ricerca geotermica sono esenti dai vincoli dovuti dalla non idoneità dei luoghi interessati, è altrettanto vero che il Sindaco Galli nell'indicare alla Regione Toscana come idonea allo sviluppo geotermico un area ad alta valenza paesaggistica, ambientale e storico culturale come quella della Triana, ha commesso un grave errore che potrebbe pregiudicare di fatto la futura realizzazione dell'impianto stesso.

Fare Verde ha pulito le spiagge italiane aggredite dalla plastica e dall'esrosione marina.
Il presidente Greco: “Alcune spiagge sono letteralmente scomparse.”

Si è svolta ieri la manifestazione “Il Mare d’Inverno”, organizzata dall’associazione ambientalista Fare Verde e giunta alla XXVIII Edizione. I volontari si sono recati sulle spiagge italiane, da Trieste alla Versilia passando per la Sicilia, e hanno raccolto una grande quantità di rifiuti, soprattutto plastica. Non a caso lo slogan di questa edizione è: Al “mare d’inverno” contro “un mare di plastica”.

Oltre alla plastica e al polistirolo, sotto osservazione l’erosione provocata dalle onde del mare.

Domenica 27 gennaio Fare Verde pulirà le spiagge italiane aggredite dalla plastica e dall'erosione marina.

Torna anche quest’anno “Il Mare d’Inverno”, manifestazione organizzata dall’associazione ambientalista Fare Verde, giunta alla XXVIII Edizione.
Domenica 27 gennaio circa 4.000 volontari si recheranno sulle spiagge italiane, da Trieste alla Versilia passando per la Sicilia,