Fare Verde ha pulito le spiagge italiane aggredite dalla plastica e dall'esrosione marina.
Il presidente Greco: “Alcune spiagge sono letteralmente scomparse.”

Si è svolta ieri la manifestazione “Il Mare d’Inverno”, organizzata dall’associazione ambientalista Fare Verde e giunta alla XXVIII Edizione. I volontari si sono recati sulle spiagge italiane, da Trieste alla Versilia passando per la Sicilia, e hanno raccolto una grande quantità di rifiuti, soprattutto plastica. Non a caso lo slogan di questa edizione è: Al “mare d’inverno” contro “un mare di plastica”.

Oltre alla plastica e al polistirolo, sotto osservazione l’erosione provocata dalle onde del mare.

“I nostri volontari hanno trovato molte spiagge in precarie condizioni – dichiara il Presidente Nazionale Francesco Greco – alcune sono letteralmente scomparse, inghiottite dalle onde del mare. È il caso della spiaggia di Torvaianica, a Pomezia (Roma) o di quella delle Saline di Tarquinia (VT).
Quest’anno – conclude Greco – invieremo un rapporto al Ministro dell’Ambiente con quantità e tipologia dell’immondizia raccolta sulle singole spiagge e segnalazioni sullo stato degli arenili colpiti dall’erosione.”

La manifestazione si è svolta con il patrocinio della Commissione Europea – Rappresentanza per l’Italia, del Ministero dell’Ambiente, della Regione Lazio e di vari Enti Locali.